• Articolo Pescara, 26 luglio 2016
    • Mobilità a idrometano, l’Abruzzo presenta la strategia

    • Un piano a più fasi per trasformare la flotta auto della società di trasporto pubblico. Mazzocca: l’idrometano ci traghetterà verso l’idrogeno

    IMG_46271-1024x745(Rinnovabili.it) – L’Abruzzo presenta la strategia regionale per la mobilità sostenibile. Redatto assieme alla Società Unica Abruzzese di Trasporto Spa (TUA), il piano ha come grande protagonista l’idrometano, miscela di idrogeno molecolare e metano, con cui l’ente locale traghetterà i trasporti su strada verso un futuro a basso impatto ambientale.

    La strategia –  ha spiegato il sottosegretario alla Presidenza della Regione, Mario Mazzocca – prevede un primo utilizzo dell’idrometano (miscela di metano e idrogeno) come momento di transizione al futuro idrogeno che consentirebbe anche una forma di preparazione per la cittadinanza locale all’uso di tale vettore quale combustibile alternativo”. Tutto ciò in Abruzzo è possibile dato che la Società TUA dispone già di 82 mezzi a metano (9% del parco macchine totale), di cui 64 disponibili per le procedure di omologazione a idrometano, e di un impianto autonomo di erogazione metano.

     

    La strategia abruzzese seguirà precise direttive a partire dalla, realizzazione, entro un anno, di un impianto di erogazione metano-idrogeno presso il sito di distribuzione della società TUA e acquisito un minibus a idrometano per il trasporto persone (19 passeggeri più autista) già collaudato e omologato. Il mezzo sarà destinato a tratte ordinarie e alle ore di maggiore affollamento con priorità alla zona Chieti-Pescara, individuata dal Piano Regionale per la Tutela della Qualità dell’Aria come zona di risanamento, ovvero zona in cui almeno un inquinante supera il limite più il margine di tolleranza fissato dalla legislazione. Saranno coinvolti i produttori e distributori locali e nazionali di idrogeno e le università abruzzesi e nazionali che garantiranno l’allineamento del progetto con i massimi standard mondiali in ambito di salute e sicurezza; valuteranno l’effettivo vantaggio a livello energetico dell’intero sistema; si occuperanno della misura specifica delle emissioni del mezzo.

     

    Entro tre anni da oggi, sarà avviata la trasformazione del parco auto della società di trasporto pubblico verso l’idrometano. Da qui a cinque anni invece, il piano prevede di utilizzare il biometano con reti di approvvigionamento locale e idrogeno da fonte rinnovabile verificando, con il supporto di università locali e nazionali, anche l’utilizzazione della tecnologia che consente la produzione diretta del vettore a bordo dei veicoli e che può essere integrata in tutti i tipi di motori anche operanti con combustibili tradizionali.

    Tutte le News | Abruzzo
    529264946b74d7fc4376e1c6fb4b0d0125 maggio 2016

    La mobilità sostenibile dell’Abruzzo sceglie l’idrometano

    La Regione ha concordato con la società di trasporti TUA di convertire tutta la flotta di trasporto pubblico abruzzese all’alimentazione con indrometano

    chieti_008 febbraio 2016

    Parte da Chieti il sistema Smartness in Waste Management

    Taglio del nastro nel comune abruzzese del nuovo open data che monitora in tempo reale i parametri di raccolta, emissioni e costo dei sistemi urbani di raccolta dei rifiuti

    COOU lancia la prima CircOLIamo a zero emissioni-05 ottobre 2015

    Il COOU sbarca in Abruzzo con 4 tappe di CircOLIamo

    La campagna di sensibilizzazione sulla corretta gestione degli oli usati sarà nei prossimi giorni in 4 città abruzzesi: l’Aquila, Teramo, Pescara e Ortona

    Abruzzo16 novembre 2014

    Rifiuti: in arrivo quasi 8 mln per impianti compostaggio

    A beneficiare dei finanziamenti saranno soggetti pubblici operanti nell’ambito della programmazione e gestione di settore

    Abruzzo28 agosto 2014

    L’Abruzzo presenta il progetto Naturaccessibile

    Di Matteo: “questa iniziativa nasce dall’eesigenza di pensare il territorio come elemento di interconnessione di esperienze quotidiane”

    Abruzzo10 marzo 2014

    Fucino: non più rinviabile progetto depurazione acque

    Febbo: “Da qualche anno l’Arta Abruzzo tiene sotto controllo la qualità delle acque di superficie nei canali del Fucino”

    Abruzzo09 dicembre 2013

    Di Dalmazio, nominate guardie ecologiche volontarie

    La tutela del settore ambientale è affidata anche a privati cittadini

    12