• Articolo Bruxelles, 26 luglio 2017
    • Il nuovo dossier della Via Campesina

      Cosa sono i nuovi OGM e perché destano preoccupazioni

    • Le nuove tecniche di creazione varietale producono nuovi OGM o generano organismi equivalenti a quelli convenzionali? Perché l’Italia li sta finanziando?

    nuovi ogm

     

    (Rinnovabili.it) – Che cosa sono i nuovi OGM? Perché in Europa infuria una battaglia tra organizzazioni ambientaliste e aziende dell’agribusiness su questo tema? Qual è la posizione di Bruxelles e quale quella dell’Italia? Per rispondere a queste domande può essere utile partire dalla breve pubblicazione lanciata ieri dal Coordinamento europeo della Via Campesina, network di movimenti contadini che si batte da decenni per un ritorno all’agricoltura di piccola scala, sostenibile, più democratica e senza il contributo della chimica.

    I nuovi OGM, spiega il dossier, sono il risultato di tecniche di ingegneria genetica sviluppate negli ultimi anni, che hanno preso il nome di New Breeding Techniques (NBT). Consistono nell’inserimento, nelle cellule delle piante, di sequenze genetiche o proteine, di un transgene della stessa famiglia vegetale o di un transgene che ne alteri alcuni tratti per poi essere eliminato. Altra tecnica è innestare su una pianta transgenica una pianta non transgenica.

    Ora, la Direttiva europea 2001/18 che regola gli organismi geneticamente modificati, stabilisce che l’OGM è «un organismo, diverso da un essere umano, il cui materiale genetico è stato modificato in modo diverso da quanto avviene in natura con l’accoppiamento e/o la ricombinazione genetica naturale».

     

    >> Leggi anche: i nuovi OGM saranno legali anche in Italia? <<

     

    Secondo l’industria e pezzi del mondo della ricerca, le New Breeding Techniques non produrrebbero piante OGM, ma vegetali del tutto comparabili a quelli che si trovano in natura. Non combinando più una serie di sequenze genetiche al di fuori dell’organismo, per poi inserirle in maniera randomica nel suo genoma, consentirebbero di modificare le piante con maggior precisione. Nessun nuovo materiale genetico finirebbe negli organismi riceventi, cosa che prima era inevitabile dato l’utilizzo di un vettore batterico per il trasporto degli enzimi deputati a effettuare la modifica del Dna. Tuttavia, si tratta pur sempre di «tecniche in vitro agli acidi nucleici», che per il protocollo di Cartagena sulla biosicurezza danno vita agli OGM.

    Le New Breeding Techniques comprendono:

    • – Mutagenesi oligonucleotide diretta
    • – Nucleasi a dito di zinco
    • – Cisgenesi e intragenesi
    • – Innesto
    • – Agroinfiltrazione
    • – Metilazione del DNA ed RNA dipendente
    • – Selezione varietale inversa
    • – Genomica sintetica

    Per l’industria si tratta di tecniche che «consistono interamente in fenomeni naturali, come incrocio o selezione», e permettono di sviluppare nuove varietà vegetali in maniera simile ma più veloce e preciso rispetto alle tecniche nuovi ogmconvenzionali. Pertanto, gli organismi risultanti non dovrebbero essere soggetti alla Direttiva europea sugli OGM, né a particolare etichettatura. Tuttavia, è difficile fugare del tutto la possibilità di alterazioni imprevedibili ed effetti indesiderati, anche sul lungo termine, quali la contaminazione dell’ambiente circostante o le controindicazioni per i consumatori. Per questo, suggerisce Via Campesina, anche i nuovi OGM dovrebbero essere etichettati e tracciabili. Inoltre, le ripercussioni potrebbero assumere contorni anche economici, con i piccoli agricoltori indotti a comprare semi brevettati dalle multinazionali perdendo la loro autonomia.

    La Corte di Giustizia dell’UE, chiamata in causa dalla Francia, emetterà nei prossimi mesi una sentenza per sciogliere i dubbi sulla natura degli organismi prodotti con le NBT. La sentenza dovrà essere recepita dalla Commissione Europea e dagli stati membri. L’Italia, tuttavia, per iniziativa del Ministero delle Politiche Agricole, sta per finanziare un progetto da 21 milioni di euro per la ricerca e lo sviluppo di questi nuovi OGM. La Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati ha dato il suo via libera qualche giorno fa, nel silenzio di maggioranza e opposizione. Se la Corte UE deciderà che simili tecniche producono organismi geneticamente modificati ai sensi della legge comunitaria, la fuga in avanti del nostro paese sarà stata inutile e incauta.

    Tutte le News | Alimentazione
    olio di palma24 luglio 2017

    La foresta degli elefanti massacrata dai giganti dell’olio di palma

    Pepsico, Unilever, Nestlé, McDonald’s e molti altri comprano olio di palma da aziende che stanno devastando gli ultimi ettari di una foresta pluviale patrimonio dell’umanità

    nuovi ogm21 luglio 2017

    La commissione Agricoltura stanzia milioni per i nuovi OGM

    I Deputati della commissione Agricoltura esprimono un parere favorevole sullo stanziamento di 21 milioni per la ricerca nel campo dei nuovi OGM

    glifosato20 luglio 2017

    La nuova autorizzazione al glifosato al vaglio degli stati UE

    Oggi e domani il Comitato fitosanitario permanente inizia il negoziato sulla proposta di Bruxelles per una nuova autorizzazione al glifosato

    nuovi ogm19 luglio 2017

    L’Italia sta per finanziare i nuovi OGM con 21 milioni

    Tra due giorni la Commissione Agricoltura della Camera si esprimerà su un decreto che stanzia milioni per lo sviluppo dei nuovi OGM, ma la Corte di Giustizia dell’UE potrebbe dichiararli illegali a settembre

    coltivazione indoor17 luglio 2017

    Guida alla coltivazione indoor: come creare un orto in casa

    Come funziona la coltivazione da “interni”? Quali sono i vantaggi? Come iniziare e con quali strumenti? Tutte le risposte nel contributo redatto da Coltivazioneindoor.it

    siccità17 luglio 2017

    Una siccità devastante per l’agricoltura globale è sempre più probabile

    La siccità che affligge l’Africa potrebbe colpire in futuro gli Stati Uniti e la Cina, primi produttori mondiali di mais, con effetti letteralmente incontenibili

    riscaldamento globale13 luglio 2017

    Il riscaldamento globale minaccia la produzione vinicola mediterranea

    L’industria del vino vale lo 0,2% del Pil mondiale. Ma con l’aumento delle temperature causato dal riscaldamento globale va incontro a cospicue perdite

    123