Loading...

    In Primo Piano

    Vertical Smart Slide 1
    Roma, 18 giugno 2019Vino biodinamico, la viticoltura del futuro?
    18 giugno 2019
    Clara Montesanto

    Roma, 31 maggio 2019Vino Biologico: come e chi lo definisce tale?
    31 maggio 2019
    Clara Montesanto

    Roma, 22 maggio 2019Agroecologia e sostenibilità, chiavi per la salute del p…
    Roma, 20 maggio 2019Il futuro in agroenergie e innovazione
    Roma, 13 maggio 2019Rendimento agricolo e sicurezza alimentare, quanto pesa …
    Roma, 12 marzo 2019Parliamo di riso: biologico e integrale, una scelta di s…
    • Articolo Helsinki, 15 luglio 2019
    • Solein, le proteine sostenibili prodotte dalla CO2

    • Una startup finlandese sta lavorando su un’innovativa produzione alimentare a base di aria ed acqua:  proteine sintetiche ottenute grazie a microbi ed elettricità rinnovabile

    solein

     

     

    (Rinnovabili.it) – La startup finlandese Solar Foods ha sviluppato un processo che utilizza elettricità rinnovabile e CO2 per creare Solein, una nuova proteina di sintesi destinata all’alimentazione. L’azienda, che collabora già con l’European Space Agency per la futura alimentazione nelle missioni spaziali, sta lavorando dal 2017 su un innovativo bioprocesso per produrre cibo senza bisogno dell’agricoltura.

     

    “Crediamo che la produzione di proteine ​​non dovrebbe essere limitata dalle nostre risorse naturali o gravare sul nostro ambiente. Il bioprocesso Solein produce proteine ​​naturali da CO2, acqua ed elettricità. È un processo di fermentazione completamente naturale, con un prodotto finale che ha un aspetto e un sapore uguale alla farina di grano. E la parte migliore? Non può esaurirsi”, spiega l’azienda sul suo sito web. Assistita dalle competenze del VTT Technical Research Center della Finlandia e dalla Lappeenranta University of Technology, Solar Foods ha sviluppato un concept nato da un programma spaziale NASA.

     

    >>leggi anche Alimentazione: si fa presto a dire bio<<

     

    Il procedimento è semplice e ricorda per molti versi la produzione della birra: alcuni batteri sono messi in coltura, alimentati con anidride carbonica e bolle di idrogeno (quest’ultimo ottenuto grazie elettrolisi “verde” dell’acqua), con l’aggiunta di azoto e tracce minerali come calcio, sodio, potassio e zinco. I microbi rilasciano un sottoprodotto – composto al 50% -60% da proteine – mentre il resto è carboidrati e grassi – che viene essiccato e ridotto in polvere.

    In questo modo Solein può essere utilizzato come integratore in alimenti normali come yogurt, frullati, pane e pasta o essere manipolato con la stampa in 3D per ottenere prodotti con maggiore consistenza.

     

    >>leggi anche Produrre cibo sfruttando meno risorse, al via il progetto SIMBA<<

     

    “È un tipo di cibo completamente nuovo, un nuovo tipo di proteina, diverso da tutte quelle presenti oggi sul mercato per il modo in cui viene prodotta in quanto non ha bisogno di agricoltura o acquacoltura”, ha affermato Pasi Vainikka, A.D. della startup. “Può essere prodotta in qualsiasi parte del mondo, anche in aree in cui la produzione proteica convenzionale non è mai stata possibile”.

    Secondo i suoi produttori, Solein è 100 volte più ecocompatibile di qualsiasi alternativa animale o vegetale, quando si tratta di uso dell’acqua, efficienza dell’uso del suolo ed emissioni di gas serra. L’azienda presenterà all’UE la richiesta per una nuova licenza alimentare entro la fine dell’anno prima di iniziare la produzione commerciale nel 2021.

    Tutte le News | Alimentazione
    vino biodinamico18 giugno 2019

    Vino biodinamico, la viticoltura del futuro?

    Il vino biodinamico è solo un prodotto di moda o realmente rappresenta una nuova sfida nell’ambito dell’agricoltura sostenibile?  Vini Bio e vini biodinamici sono la stessa cosa?

    microplastiche07 giugno 2019

    Ingeriamo almeno 50 mila particelle di microplastiche ogni anno

    Il primo studio sulla quantità di micro frammenti di plastica che entrano nella dieta del consumatore medio lancia un chiaro segnale d’allarme, ma i ricercatori avvertono: “Abbiamo analizzato appena il 15% degli alimenti disponibili”.

    vino biologico31 maggio 2019

    Vino Biologico: come e chi lo definisce tale?

    Nel bicchiere degli italiani è in corso una vera e propria rivoluzione “green”: bere BIO è oramai una tendenza conclamata e ricercata da sempre più consumatori

    fungicida francia29 maggio 2019

    Rischio cancro: in Francia vietato il più diffuso fungicida agricolo

    L’Agenzia francese per l’alimentazione e la salute (ANSES) ha annunciato il ritiro della licenza commerciale per 76 prodotti a base di epoxiconazolo.

    filiere agroalimentari28 maggio 2019

    Come ridurre l’impronta ambientale delle filiere agroalimentari

    Enea presenta i risultati di PEFMED, progetto transnazionale che aiuta le aziende di 9 sistemi regionali agroalimentari mediterranei a rendere verde la propria produzione

    agroecologia22 maggio 2019

    Agroecologia e sostenibilità, chiavi per la salute del pianeta

    È possibile per i sistemi agricolo e zootecnico percorrere la strada della sostenibilità? Se una parte del mondo sta acquisendo una spiccata coscienza ambientale e sta provando a cambiare stile di vita, ce n’è un’altra che è ancora molto lontana da questa consapevolezza. La risposta può essere nell’agroecologia?

    intesa sanpaolo agroenergie20 maggio 2019

    Indagine Intesa Sanpaolo: il futuro in agroenergie e innovazione

    Come sta cambiando l’agricoltura in Italia? Presentata a Mantova Food & Science Festival l’indagine Intesa Sanpaolo su agroenergie e innovazione. Parole chiave: sostenibilità, risparmio idrico, circolarità, capitale umano e agricoltura 4.0