• Articolo Bruxelles, 25 settembre 2017
    • Direttiva rifiuti alimentari, il Consiglio dell’UE gioca al ribasso

    • Sarà di nuovo battaglia tra Stati membri e Parlamento europeo in tema di economia circolare. Il terreno di scontro? I vincoli allo spreco alimentare

    direttiva rifiuti alimentari

     

    Chi rema contro la Direttiva rifiuti alimentari?

    (Rinnovabili.it) – Ogni anno, nell’Unione Europea, quasi 90 milioni di tonnellate di cibo vengono gettate nella spazzatura. La colpa non può essere assegnata in maniera esclusiva ai consumatori: gli sprechi riguardano in realtà tutta la filiera agroalimentare con danni sia a livello economico che sull’ambiente.

    Fra i Ventotto sono ancora pochi gli Stati ad aver disposto programmi nazionali per combattere i propri rifiuti alimentari. L’Italia (Legge Gadda) assieme alla Francia è uno dei pochi Paesi ad esser arrivato prima sulla questione attraverso una serie di misure ad hoc. Il resto dell’Europa però, sembra faticare parecchio a mettersi in linea e, a guardar bene, questo ritardo potrebbe essere frutto di una scelta consapevole.

     

    >>Leggi anche Spreco alimentare, nei supermercati francesi sarà proibito<<

     

    Le ultime indiscrezioni rivelate da Euractiv.com mostrano come diversi membri del Consiglio dell’Unione Europea, tra cui il Regno Unito, stiano cercando di affossare la nuova Direttiva Rifiuti Alimentari. Il provvedimento è uno degli strumenti inserito dall’esecutivo europeo  nel suo Pacchetto economia circolare. Per la prima volta Bruxelles ha riservato un posto di primo piano alla questione del food waste e il Parlamento europeo ha chiesto precisi vincoli per la riduzione di tali rifiuti: meno 30% entro il 2025 e meno 50% entro il 2030. La normativa proposta  include anche prescrizioni per aumentare il riciclo e il conferimento in discarica.

     

    I documenti in discussione al Consiglio, che si riunirà domani con Europarlamento e Commissione Europea per affrontare il tema, mostrerebbero l’intenzione di demolire la maggior parte delle novità introdotte. La posizione con cui i Ventotto inizieranno i negoziati a tre sposerebbe, infatti, l’idea di abolire le scadenze specifiche, tagliando addirittura fuori dal testo i rifiuti del pre-retail (aziende e catene di approvvigionamento), l’anello della filiera a cui corrispondono gli sprechi più ingenti. Cancellata anche la proposta inserita dagli eurodeputati di una “gerarchia dei rifiuti alimentari”, in base al quale i cibi commestibili sarebbero raccolti dai venditori al dettaglio e ridistribuiti alle banche alimentari o come materia prima.

     

    >>Leggi anche A Copenaghen apre Wefood, il supermarket contro lo spreco alimentare<<

     

    La presa diposizione si giustificherebbe con la necessità di stabilire una metodologia concordata, prima di introdurre obiettivi vincolanti, ma i documenti hanno anche mostrato come il Consiglio sia intenzionato a fare pressioni per tagliare fuori Strasburgo dalla procedura con cui creare tale metodologia.

    Tutte le News | Alimentazione
    glifosato25 settembre 2017

    La Francia boccia il glifosato ma taglia i sussidi al biologico

    Il primo ministro Edouard Philippe ribadisce il no di Parigi al rinnovo dell’autorizzazione al glifosato. Ma in parallelo arrivano i tagli all’agricoltura bio

    riscaldamento globale22 settembre 2017

    L’ammazzacaffè più forte si chiama riscaldamento globale

    Le terre agricole adatte per la coltivazione del caffè saranno colpite dal riscaldamento globale, ed entro il 2050 potrebbero ridursi quasi del 90%

    CETA22 settembre 2017

    Meno regole per OGM, clonazione, pesticidi: è arrivato il CETA

    Da ieri l’accordo commerciale UE-Canada (CETA) è in vigore in applicazione provvisoria, in attesa del voto degli stati membri. Ecco cosa cambia per la sicurezza alimentare

    fattoria urbana20 settembre 2017

    La più grande fattoria urbana d’America nasce in una città industriale

    Dieci ettari di campi coltivati con varietà antiche in un centro fondato sul carbone e l’acciaio. Così Pittsburgh cambia volto grazie alla fattoria urbana

    fame nel mondo20 settembre 2017

    La fame nel mondo torna a crescere nel 2016

    A due anni dal varo dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, la fame nel mondo è aumentata invece di diminuire, a causa dei conflitti e del cambiamento climatico

    glifosato19 settembre 2017

    Europa spaccata sul glifosato, Bruxelles prova a mediare

    La Commissione Europea cerca di sbloccare la situazione di stallo sul glifosato. A due settimane dal voto sul rinnovo molti stati membri sono indecisi

    biocarburanti18 settembre 2017

    Il business dei biocarburanti affama il pianeta

    Gli incentivi europei ai biocarburanti hanno permesso all’industria di sottrarre terra alle colture alimentari. Aumentando i prezzi del cibo