Loading...

    In Primo Piano

    Vertical Smart Slide 1
    Roma, 16 ottobre 2019Giornata Mondiale dell’Alimentazione: le nostre azioni s…
    Copenaghen, 4 settembre 2019EEA: agricoltura e allevamento rischiano di sparire dal …
    Ginevra, 8 agosto 2019Report IPCC: agricoltura e allevamenti intensivi sono in…
    Roma, 18 giugno 2019Vino biodinamico, la viticoltura del futuro?
    18 giugno 2019
    Clara Montesanto

    Roma, 31 maggio 2019Vino Biologico: come e chi lo definisce tale?
    31 maggio 2019
    Clara Montesanto

    Roma, 22 maggio 2019Agroecologia e sostenibilità, chiavi per la salute del p…
    • Articolo Matera, 12 novembre 2019
    • Carta di Matera: un piano d’azione per l’agricoltura italiana

    • Rapporto città-campagna, centralità dell’agricoltura, sicurezza alimentare, semplificazione amministrativa: questi sono alcuni temi su cui si concentra la Carta di Matera, un documento programmatico del Conaf per la crescita ecocompatibile ed ecosostenibile del settore agricolo italiano.

    Carta di Matera

    Credits: Tomas Turek da Pixabay

    Prodotta nell’ambito del XVII Congresso Conaf, la Carta di Matera stabilisce le linee guida da seguire fino al 2030

     

    (Rinnovabili.it) – Si è concluso sabato 9 novembre, a Matera, il XVII congresso nazionale del Consiglio dell’Ordine nazionale dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali (Conaf), istituito nel 1929. Il congresso, quest’anno, prevedeva quattro specifici temi di intervento: la sicurezza alimentare, la sicurezza ambientale, città vivibili e gestione delle foreste, ciascuno di essi riconducibile ad uno specifico goal dell’Agenda Europea 2020 (rispettivamente, goal 2, 12, 11 e goal 15).

     

    Durante i tre giorni del congresso, e grazie all’intersezione di questi quattro temi (centrali per la politica europea e, soprattutto, italiana sull’ambiente), è stata prodotta la cosiddetta Carta di Matera, vale a dire un vero e proprio piano d’azione, da oggi fino al 2030, per migliorare la sostenibilità e la gestione del verde (urbano e no) nel nostro paese. La Carta di Matera ha l’ambizione di individuare le linee guida per la politica ambientale italiana e, per tale motivo, nelle intenzioni dei suoi creatori non si presenta solo come un manifesto autoriferito per le professioni agronomiche e forestali, ma come uno strumento “utile per la società civile e per l’intero settore primario”, afferma Sabrina Diamanti, presidente Conaf.

     

    >>Leggi anche Dl Clima: il CDM approva il decreto Costa<<

     

    Dopo una breve introduzione, in cui si sottolinea l’importanza per l’agricoltura in Italia (non solo per le sue implicazioni economiche, ma anche sociali, ambientali e territoriali) e la necessità di un “Patto con la società” (che abbia come suo riferimento le funzioni produttive, di tutela ambientale e salutistiche svolte dal settore agricolo), il documento si declina in cinque sezioni: gli impegni delle amministrazioni locali; la valorizzazione dell’attività agricola; la salvaguardia del terreno agricolo; la diffusione dei servizi per le aziende e la semplificazione con le amministrazioni locali; la valorizzazione del rapporto tra cibo e territorio.

     

    >>Leggi anche Rigenerazione del suolo: Cic e Coldiretti insieme per la raccolta differenziata<<

     

    La Carta, prendendo atto delle enormi potenzialità delle produzioni agricole integrate, conservative e biologiche, sottolinea come il settore agricolo svolga un ruolo fondamentale anche rispetto al miglioramento della vivibilità delle città, rafforzando la relazione città-campagna. Tuttavia, affinché il divario tra zone rurali e urbane venga colmato, è necessario contrastare “i fenomeni di consumo del suolo e stimolare le politiche di reimpiego degli scarti […] stimolando modelli produttivi sostenibili e i modelli economici circolari”, si legge nel documento. Per tale ragione, è fondamentale cogliere l’opportunità per stimolare politiche virtuose per lo sviluppo delle aree interne italiane, stimolando un lavoro di cooperazione all’interno del settore primario. Ciò significa, tra le altre cose, incentivare una comune azione di contrasto della criminalità organizzata (sia in termini di ecomafie, sia in termini di sfruttamento del lavoro agricolo) e a favore della legalità.

     

    Per Carmine Cocca, presidente regionale dell’Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali, l’auspicio è che, attraverso la Carta di Matera, “si rafforzi la qualità dell’offerta professionale per un territorio che necessita di interventi concreti e nel quale la nostra professione rappresenta una risposta costante e continua per un’evoluzione ecocompatibile ed ecosostenibile che trova radici nella competenza”.

    Tutte le News | Alimentazione
    Olio di Palma07 novembre 2019

    Olio di palma: multinazionali complici di chi incendia e devasta la foresta indonesiana

    La denuncia di Greenpeace International: Unilever, Mondelēz, Nestlé e Procter&Gamble sono alcune delle multinazionali che, acquistando olio di palma – certificato e non – si rendono complici e responsabili della grave deforestazione indonesiana

    Spreco alimentare29 ottobre 2019

    Spreco alimentare, il problema è nelle nostre case

    Commissionato dall’Ufficio federale dell’Ambiente, lo studio condotto dal Politecnico di Zurigo evidenzia le conseguenze ambientali e gli impatti sul clima dello spreco alimentare. I dati svizzeri, in linea con quelli europei, fanno emergere una situazione preoccupante nell’ambito dell’economia domestica e del settore gastronomico.

    dieta sana29 ottobre 2019

    La ricerca: una dieta sana fa bene anche all’ambiente

    I ricercatori dell’Università del Minnesota e dell’Università di Oxford hanno condotto uno studio che dimostra come una dieta sana dal punto di vista nutrizionale abbia anche il minor impatto su ambiente ed ecosistemi. Rimangono comunque alcune eccezioni

    Sostenibilità alimentare28 ottobre 2019

    Sostenibilità alimentare: tra i consumatori c’è ancora confusione

    In occasione dell’incontro “Sostenibilità: la nuova frontiera per il settore vitivinicolo” organizzato da Viva, il centro di ricerca dell’Università Cattolica mostra come in Italia sia ancora poco chiaro il concetto di “sostenibilità alimentare”, nonostante aumenti la percentuale di chi si dichiara attento al consumo responsabile di cibo

    Laos17 ottobre 2019

    Laos: il caro prezzo delle banane

    11mila ettari per un valore di 100milioni di dollari. Questi i numeri dei bananeti cinesi in Laos. Ma tra prodotti chimici, inquinamento delle acque e condizioni di lavoro al limite dello schiavismo, una ricerca di Plan International e China Dialogue si chiede se ne valga veramente la pena.

    Giornata Mondiale dell'Alimentazione16 ottobre 2019

    Giornata Mondiale dell’Alimentazione: le nostre azioni sono il nostro futuro

    Aumentare la consapevolezza sull’impatto ambientale, economico e sociale dei cibi che mangiamo, rispettando la propria salute e quella del pianeta. Nel giorno del suo 74esimo anniversario, la FAO promuove la Giornata Mondiale dell’Alimentazione.

    Sicurezza alimentare15 ottobre 2019

    Sicurezza alimentare: perdiamo il 14% del cibo prima che arrivi sul mercato

    Pubblicato il rapporto sullo Stato dell’Alimentazione e dell’Agricoltura 2019. Sotto i riflettori la percentuale degli alimenti sprecata dopo il raccolto e prima di arrivare sugli scaffali. FAO: Necessario dotarsi di efficaci strumenti di monitoraggio