• Articolo Bruxelles, 4 ottobre 2017
  • Il nuovo rapporto di PAN Europe

    Gli interferenti endocrini inquinano un terzo della frutta europea

  • Più di un terzo della frutta consumata in UE è contaminato da pesticidi che svolgono la funzione di interferenti endocrini, intaccando il sistema ormonale

interferenti endocrini

 

Italia tra i primi produttori di alimenti contaminati da interferenti endocrini

 

(Rinnovabili.it) – Alle porte di un voto cruciale del Parlamento Europeo sugli interferenti endocrini, un nuovo rapporto dell’ONG Pesticide Action Network (PAN) scuote l’opinione pubblica. Secondo il dossier dell’organizzazione, più di un terzo della frutta consumata in UE è contaminato da residui di sostanze che intaccano il sistema ormonale. L’obiettivo della ricerca è influenzare il voto sui controversi criteri, proposti dalla Commissione Europea, che definiranno pesticidi e altri agenti chimici presunti responsabili di impatti negativi sulla salute, dall’aumento dei rischi di cancro, allo sviluppo del feto fino a problemi per il sistema riproduttivo.

PAN afferma che il 68% della frutta europea contiene tracce di pesticidi e nel 34% sono stati reperiti residui di 27 interferenti endocrini. Per le verdure, le cifre sono leggermente più basse ma comunque preoccupanti: la stima è che il 41% non sia immune da residui e il 14% contenga sostanze che agiscono negativamente sul sistema endocrino.

 

>> Leggi anche: Bruxelles accusata di abuso di potere sugli interferenti endocrini <<

 

Il rapporto, si basa sui dati raccolti dagli Stati membri nel 2015, e punta il dito principalmente sugli agrumi: il 46-57% di mandarini, arance e pompelmi contiene residui. Seguono pesche, uva e fragole, con il 34-45% di frutti contaminati da interferenti. Le verdure più pericolose sono invece sedano e rucola, con il 35-40% del campione contenente le sostanze incriminate.

I paesi in cui il problema è più grave sono quelli dell’Europa meridionale: Spagna (35% dei prodotti), Grecia (25%) e anche Italia (23%) vanno le maglie nere per la produzione. Tuttavia, sono i paesi del nord Europa – Irlanda (42%), Svezia (34%) e Paesi Bassi (32%) – i principali consumatori di frutta e verdura contaminata da interferenti endocrini.

Oggi i deputati europei decideranno se accettare i criteri proposti dalla Commissione per queste sostanze, criteri respinti dalla commissione Ambiente del Parlamento Europeo (ENVI) la scorsa settimana e criticati da dagli attivisti ambientalisti perché incapaci di proteggere la salute e gli ecosistemi.

Un Commento

  1. PAOLO COLAUTTI
    Posted ottobre 9, 2017 at 8:29 am

    Gli interessi delle multinazionali sono enormi e si fa fatica a combatterli. D’altra parte dobbiamo fare qualcosa per tutelarci.Come possiamo difenderci? Quali sono i comportamenti da tenere per evitare di ingerire tali sostanze?

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *