• Articolo Bologna, 16 marzo 2012
  • Nasce l'alleanza per il risparmio idrico

    A difesa dell’acqua nasce la Water Alliance

  • Una partnership e un kit per il risparmio idrico aiuteranno le aziende della filiera agroalimentare italiana a ridurre i consumi di acqua

(Rinnovabili.it) – Nasce dalla consapevolezza dell’importanza della gestione razionale dell’acqua il progetto AQUA, una Water Alliance che consiste in una partnership pubblico-privata per ridurre i consumi idrici delle aziende della filiera agroalimentare interessate a rendere più sostenibili le proprie produzioni.

Mappando le esperienze positive raccolte all’interno della filiera internazionale in tema di uso efficiente e riuso dell’acqua si cercherà di dare maggiore tutela alle risorse del Pianeta mantenendo alta la competitività per dare nuova linfa alla crescita della green economy e per elaborare il Water Saving Kit, ovvero una serie di strumenti per le imprese che, aderendo al progetto, vorranno migliorare la gestione dell’acqua consultabile sul web.

Le aziende avranno quindi a disposizione un questionario di autovalutazione che servirà per identificare l’impatto ambientale della società oltre ad un elenco di best practies per limitare il consumo e lo spreco d’acqua.

Realizzato con il contributo di 19 esperti di livello internazionale il kit riuscirà ad essere applicato grazie alla costituzione della Water Alliance che vanta tra i promotori ARPA Emilia-Romagna, Regione Emilia-Romagna, Legacoop Agroalimentare Nazionale, Legacoop Agroalimentare Nord Italia, Legacoop Emilia Romagna e Indica Srl.

L’interesse per la razionalizzazione della risorsa deriva dalla consapevolezza che attualmente l’agricoltura impiega il 70% dell’acqua disponibile sulla Terra contro il 22% dell’industria e l’8% degli usi domestici, dato che aumenterà di pari passo con la crescita della popolazione e dei consumi.

IL SETTORE AGROALIMENTARE ITALIANO è caratterizzato principalmente da produzioni intensive ed industrializzate ma anche da realtà che mettono in evidenza le produzioni tipiche delle regioni come ad esempio in Emilia-Romagna dove l’agricoltura rappresenta il settore di maggiore consumo della risorsa idrica (66%). In ragione di questi dati proprio da questa Regione partirà il progetto AQUA Adoption of Quality water Use in Agro-industry finanziato dal fondo europeo LIFE+.