• Articolo Berkeley, 19 giugno 2013
  • Uno studio dell'Università della California

    Coralli: l’aumento del pH degli oceani li rende più fragili

  • Acque con pH più acidi limitano le capacità dei coralli di costruire scheletri robusti, che rendono così tutta la barriera più fragile e meno resistente in caso di tempeste

Barriera corallina più fragile a causa dell'acidificazione degli oceani(Rinnovabili.it) – Lo ribadisce uno studio della University of California: l’acidificazione degli oceani sta indebolendo lo scheletro dei coralli. L’aumento dei livelli di biossido di carbonio riduce la densità degli scheletri indebolendoli e rendendo più fragile la barriera corallina, più soggetta alle perturbazioni e all’erosione.

Lo studio, condotto dai ricercatori della University of California e pubblicato su ‘Proceedings of National Academy of Sciences’ (PNAS), è il primo a dimostrare che i coralli non sono in grado di ambientarsi pienamente in condizioni di basso pH in natura.

“​​Stiamo cercando i luoghi in cui i coralli sono esposti ad un pH basso per tutta la vita. La buona notizia è che non sono ancora morti. Sono nuovamente in grado di crescere e di calcificare, ma non producono strutture solide” ha detto la coautrice della ricerca Adina Paytan, ricercatrice presso l’Istituto di Scienze Marine presso l’Università della California di Santa Cruz.

Con la CO2 in costante aumento nell’atmosfera anche gli oceani stanno assorbendo maggiori quantità di anidride carbonica, che abbassa il livello dell’acidificazione della superficie degli oceani. Il team di ricercatori ha studiato principalmente le barriere coralline della costa caraibica della penisola dello Yucatan in Messico dove le sorgenti sottomarine abbassano il pH dell’acqua dei mari superficiali circostanti dove è stato possibile capire che l’aumento dell’acidificazione delle acque diminuisce la concentrazione di ioni carbonato riducendo la capacità del corallo di costruire uno scheletro resistente.

 

“Gli ioni carbonato sono i mattoni di cui hanno bisogno gli scheletri per crescere. Quando il pH è inferiore al normale, i coralli devono usare più energia per accumulare questi blocchi carbonatici internamente. Come risultato, il tasso di calcificazione è più basso e provoca scheletri meno densi” dice Paytan.

Ridurre la densità di scheletri di corallo li rende più vulnerabili all’erosione meccanica durante le tempeste, il che potrebbe portare ad un indebolimento della struttura del reef e alla sua degradazione del complesso ecosistema che è la barriera corallina.

“Dobbiamo proteggere i coralli da altri fattori di stress, come l’inquinamento e la pesca eccessiva. Se siamo in grado di controllare queste, l’impatto di acidificazione degli oceani potrebbe non essere così male” ha concluso la Paytan.