• Articolo Roma, 21 marzo 2012
  • D’Ascenzi: «L’acqua deve essere una priorità nazionale»

    Acqua: Federutility pubblica i parametri degli acquedotti

  • La trasparenza della lista resa nota on line dalla Federazione è il contributo offerto alla celebrazione della giornata mondiale dell’acqua in tutto il mondo

(Rinnovabili.it) – Un servizio ai cittadini che fornisce utili informazioni, contribuendo al contempo a mutare le abitudini di consumo. La scelta di Federutility di pubblicare sul proprio sito web la lista dei parametri qualitativi e le caratteristiche chimico-fisiche dell’acqua del rubinetto è un’iniziativa che la Federazione ha ideato in occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua, una campagna di comunicazione che il Presidente Mauro D’Ascenzi ha definito semplice «perché in Italia l’acqua è buona e si promuove da sola». Consapevoli di quanto sia importante la trasparenza verso i propri utenti, infatti, i Gestori hanno deciso volontariamente di diffondere all’utenza quello che per legge sono tenuti a rendicontare solo alle istituzioni e ai presidi sanitari ufficiali. Lo scopo è valorizzare un bene prezioso e limitato, quotidianamente protetto e controllato. Nonostante gli alti livelli di qualità, però, per Federutility la situazione dell’acqua in Italia è un paradosso continuo, sia per la questione delle tariffe che per i blocchi agli investimenti e la mancanza del denaro necessario per interventi infrastrutturali. In linea con quanto fatto anche da altre aziende, che forniscono ai cittadini “carte d’identità” dell’acqua, “etichette” o “tabelle di qualità”, la lista fornita dalla federazione riunisce per la prima volta tutti i dati disponibili. «Con le tariffe più basse del mondo abbiamo un’acqua eccellente in tutto il Paese», ha commentato D’Ascenzi, aggiungendo che l’Italia potrebbe diventare un esempio europeo solo se l’acqua fosse considerata un priorità nazionale. Ma il Presidente lancia anche un appello per evitare che la soddisfazione di avere un’acqua buona ci faccia dimenticare i problemi che dovrebbero essere al più presto risolti, come gli sprechi, la scarsa depurazione, la minaccia ambientale, turistica ed economica.