• Articolo New York, 18 maggio 2016
  • Il nuovo studio dell’Earth Institute

    L’agricoltura industriale è la vera causa dell’inquinamento

  • L’uso di fertilizzanti azotati nell’agricoltura intensiva, oltre all’allevamento degli animali, è causa di un inquinamento mai considerato prima

L'agricoltura industriale è la vera causa dell'inquinamento 2

 

(Rinnovabili.it) – I fertilizzanti azotati di cui si serve l’agricoltura industriale, insieme all’allevamento degli animali, danno un contributo determinante e devastante all’aumento del particolato fine che provoca malattie e morti premature. Non solo le auto e le emissioni industriali, dunque, vanno incolpate degli alti livelli di PM2,5. L’agricoltura sarebbe infatti la prima causa di inquinamento dell’aria.

Lo ha scoperto un nuovo studio dell’Earth Institute presso la Columbia University. Tre ricercatori hanno scoperto che, quando i composti azotati si mescolano con l’aria già inquinata dalle attività industriali, formano particelle solide che possono attaccare il tessuto polmonare di bambini e adulti, causando difficoltà respiratorie, deterioramento dei polmoni e delle funzioni cardiache, e perfino morti premature.

 

L'agricoltura industriale è la vera causa dell'inquinamentoQuesti composti derivano da fertilizzanti ricchi di azoto, utilizzati per decenni in tutto il mondo. L’azoto, che compone per la maggior quota parte l’aria che respiriamo, è essenziale per lo sviluppo delle piante. Queste sua capacità migliorative del processo di crescita hanno portato l’agricoltura industriale a imbottire i terreni di questo elemento per accelerare la produzione.

Ma i fertilizzanti usati sulle coltivazioni intensive e le deiezioni degli animali negli allevamenti, tutto questo azoto genera come sottoprodotto l’ammoniaca (NH3). Vi sono tre regioni del mondo in cui l’agricoltura è fonte di emissioni significative: Europa, Stati Uniti e Cina.

Quando l’ammoniaca nell’atmosfera migra verso le aree industriali, si combina con l’inquinamento generato dalle sostanze derivanti dalla combustione, tra cui gli ossidi di azoto prodotti dai veicoli diesel e i composti di zolfo che provengono dalle centrali elettriche. A questo punto, i prodotti chimici si mescolano e vanno a creare particelle molto piccole, circa 2,5 micrometri di diametro: le famose quanto letali PM 2,5.

Anche se invisibili all’occhio umano, le loro piccole dimensioni ne favoriscono la penetrazione in profondità all’interno dei polmoni.

 

Oltre a contaminare l’aria, la fertilizzazione eccessiva è anche una delle principali cause di inquinamento degli oceani, con la creazione delle cosiddette “zone morte” nei mari, in cui non vi è più ossigeno e la vita marina scompare.

Non basterà ridurre le emissioni industriali e degli autoveicoli, come chiedono le lobby agricole, né abbattere o efficientare l’uso dei fertilizzanti azotati, come chiedono gli altri settori. Con l’aumento della popolazione, soprattutto in Africa, rischiamo un boom di nuova fertilizzazione che può contribuire ad aggravare l’inquinamento dell’aria a livello planetario.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *