• Articolo Milano, 2 novembre 2011
  • Il valore complessivo dell’investimento è pari a 16 milioni di euro

    Ambienta Sgr investe in Amplio Filtration Group

  • L’investimento ammonta complessivamente a 16 milioni di euro, quasi esclusivamente in aumento di capitale, per una partecipazione di minoranza del gruppo

Ambienta SGR, la principale iniziativa europea di private equity nel settore ambientale, ha perfezionato un accordo per l’investimento da parte di Ambienta I in Amplio Filtration Group, attiva nel settore del trattamento delle acque e della filtrazione di processo.

L’investimento ammonta complessivamente a 16 milioni di euro, quasi esclusivamente in aumento di capitale, per una partecipazione di minoranza del gruppo.

Amplio Filtration Group nasce da un progetto di aggregazione nel settore del trattamento delle acque e della filtrazione di processo promosso da Amplio Partners, investment company londinese guidata da Riccardo Segat e Andrea Davi, manager e investitori con un track record di successo nel settore della filtrazione e delle energie rinnovabili.

Il gruppo è attualmente composto da quattro società – l’americana Envirogen Technology Inc (sistemi e servizi per il trattamento delle acque potabili, di falda e delle acque reflue), le inglesi Puresep Filtration Technologies Ltd e Environmental Water Systems (servizi e sistemi per la filtrazione di processo) e l’italiana Fluxa Filtri SpA (distribuzione di filtri e consumabili per un’ampia gamma di applicazioni) – e prevede di chiudere il 2011 con un fatturato consolidato proforma di 35 milioni di euro.

Con il suo ingresso, Ambienta I supporterà Amplio Filtration Group nella realizzazione di un piano industriale di respiro internazionale attraverso l’aggregazione di realtà aziendali complementari, con l’obiettivo di creare un operatore con un fatturato di circa 100 milioni di euro in grado di competere in un settore estremamente ampio e frammentato come quello del trattamento delle acque e della filtrazione.

Le prospettive di crescita del settore sono sostenute da solidi fondamentali e trend di lungo periodo quali la scarsità della risorsa acqua al crescere della popolazione mondiale e delle attività produttive, i regolamenti sempre più stringenti sull’inquinamento delle acque di falda da scarichi industriali e la continua sofisticazione dei sistemi di filtrazione nei processi industriali.

La nuova realtà opererà in nicchie di mercato – quali, ad esempio, decontaminazione da selenio nelle acque di scarico da estrazioni minerarie, eliminazione dei nitrati da acque di falda, sistemi per l’industria del food&beverage, healthcare e oil&gas – sviluppando opportunità di cross-selling tra le società del gruppo, grazie ad una vasta base clienti e alla diversificazione geografica del business, presente sia in Europa che negli Stati Uniti.

Il progetto di sviluppo sarà realizzato sia attraverso la crescita organica delle società attualmente controllate dal gruppo sia attraverso l’acquisizione di nuove società. In questo senso, Ambienta I – oltre a dotare il gruppo di adeguate risorse finanziarie – supporterà Amplio Filtration Group nella ricerca di opportunità di espansione anche grazie al proprio network di relazioni industriali sia in Italia che all’estero.

L’iniziativa promossa da Andrea Davi e Riccardo Segat ha attirato manager di primo livello con esperienze presso i principali operatori di mercato. Tra questi, Mike Stark – CEO di Envirogen – ex presidente di Veolia Water North America e uno dei massimi esperti del settore, è stato tra i primi a credere nel progetto. All’ingresso di Stark ha fatto seguito qualche tempo dopo quello di Vince Payne, altra importante personalità del settore, che dopo aver ricoperto ruoli importanti in US Filters UK, ha fondato Puresep ed è ora alla guida delle due società inglesi del gruppo.

“Amplio Filtration Group si trova in una fase di sviluppo e crescita sia organica che per acquisizioni: l’ingresso di Ambienta come azionista offre la possibilità di accelerare il piano di acquisizioni e contribuirà al raggiungimento degli obiettivi del piano strategico basato sull’integrazione delle società che andremo ad acquisire. Con Ambienta l’obiettivo di raggiungere i 100 milioni di euro di fatturato appare più vicino.“ spiega Andrea Davi, partner di Amplio Partners.

“L’ingresso di Ambienta in Amplio Filtration Group rappresenta un passo importante nella crescita del nostro gruppo, che continua a consolidare le proprie capacità operative e finanziare nel settore dei servizi all’ambiente più in generale. L’energia da fonti rinnovabili e il trattamento acque continueranno ad essere per noi il focus strategico nei prossimi cinque anni” spiega Riccardo Segat, CEO di Amplio Partners.

“Nel corso degli ultimi tre anni abbiamo analizzato numerose opportunità d’investimento nel settore senza mai trovare il giusto equilibrio tra capacità manageriali, strategia mirata e diversificazione geografica. Amplio Filtration Group presenta tutte queste caratteristiche. Nel prossimo triennio lavoreremo con il management nella selezione ed acquisizione di società complementari con l’obiettivo di creare un operatore di dimensioni importanti” spiega Mauro Roversi, partner di Ambienta SGR.

L’operazione, curata dal Partner Mauro Roversi e dall’Associate Laura Della Chiara, è stata seguita da Latham&Watkins per quanto riguarda gli aspetti legali, da CBA Studio Legale e Tributario per gli aspetti fiscali e di structuring e da PWC per la due diligence finanziaria. Amplio Partners è stata invece assistita dallo studio legale Macchi di Cellere Gangemi e dallo studio Tax & Finance.