• Articolo Columbus, 24 gennaio 2013
  • Il marchio aderisce alla campagna di Greenpeace

    Anche Victoria’s Secret sceglie Detox

  • Eliminare le sostanze chimiche dannose entro il decennio. la nota marca di intimo femminile aderisce alla campagna di greenpeace e si avvicina all’ambiente

(Rinnovabili.it) – Un altro famoso marchio si aggiunge alla lista delle società che hanno deciso di eliminare le sostanze tossiche dalle proprie catene di produzione. Dopo Benetton, H&M e Levi’s, solo per citarne alcune, anche Victoria’s Secret ha annunciato la messa al bando di  tutte le sostanze chimiche pericolose dalla sua catena di fornitura e prodotti entro la fine del decennio, aderendo alla campagna di Greenpeace Detox. In totale sono 14 i rivenditori internazionale di abbigliamento che si sono impegnati a ridurre fino ad eliminare l’uso di sostanze chimiche nocive.

Il merito pare sia da attribuire ad una modella della nota marca di intimo, che ha invogliato la società a rivedere la propria catena di produzione andando a rafforzare l’impegno green della ditta, che già utilizza per i propri cataloghi, il 90% della carta riciclata certificata dalla Forest Stewardship Council.

Oltre all’eliminazione delle sostanze nocive i nomi aderenti alla campagna dell’Associazione ambientalista stanno provvedendo a studiare piani di gestione razionale dell’acqua limitandone il consumo e lo spreco e provvedendo alla depurazione dopo l’impiego in modo da ridurre il rischio di inquinamento idrico.