• Articolo Canberra, 30 aprile 2018
  • Australia: finanziamenti per la Grande barriera corallina in pericolo

  • Per gli ambientalisti la cifra destinata a salvare l’ecosistema in pericolo è troppo piccola

Grande barriera corallina

 

Tra le minacce alla Grande barriera corallina anche le stelle marine “corona di spine” , una specie molto invasiva che si nutre di coralli

(Rinnovabili.it) – Il governo australiano stanzierà mezzo miliardo di dollari australiani per proteggere la Grande barriera corallina, in partnership con la Great Barrier Reef Foundation. L’annuncio del primo ministro australiano, Malcolm Turnbull, è arrivato domenica per far fronte alla vera e propria strage che questo ecosistema sta subendo. Basti ricordare le condizioni in cui versano i coralli nella Grande Barriera corallina australiana, decimati, sbiancati e le cui varietà si sono fortemente ridotte. I fondi saranno destinati alla lotta contro l’inquinamento delle acque, alla mitigazione dell’impatto del cambiamento climatico sull’ecosistema, al monitoraggio, alla lotta contro le stelle marine “corona di spine” ( specie molto invasiva che si nutre di coralli mettendo a repentaglio la Grande barriera corallina australiana), ad un’opera di sensibilizzazione volta ad aumentare la consapevolezza delle persone sulle tematiche ambientali, nonché alla modifica di attività circostanti in modo che siano più ecocompatibili.

 

“Il nostro contributo, attraverso la Great Barrier Reef Foundation, rappresenta il più grande impegno finanziario di sempre per la conservazione e la gestione del Reef nella storia dell’Australia”, ha detto Josh Frydenberg, ministro dell’ambiente e dell’energia, sottolineando come “il piano e gli investimenti corretti”, possano assicurare la sopravvivenza del Reef. Il dipartimento dell’Ambiente e dell’Energia del Great Barrier Reef Marine Park Authority  prevederà un finanziamento futuro di altri 10 milioni di dollari australiani ogni anno dal 2022-23, per continuare il lavoro di protezione e monitoraggio su tutta l’Area del Patrimonio dell’Umanità.

 

Gli ambientalisti, che hanno apprezzato la decisione del governo, hanno tuttavia richiesto un investimento maggiore, sottolineano che l’Australia rimane uno dei maggiori emettitori di gas a effetto serra al mondo a causa della sua dipendenza dai combustibili fossili. Kelly O’Shanassy, CEO dell’Australian Conservation Foundation, ha sottolineato come il cambiamento climatico e l’uso di combustibili fossili siano la causa principale della distruzione del Reef: “Abbiamo bisogno di un’azione reale per abbandonare il carbone e muoverci verso l’energia pulita”, ha twittato. Anche Bill McKibben, ambientalista americano che ha fondato 350.org, movimento della società civile per il clima, ha criticato l’utilizzo del carbone in Australia. “La scienza è consapevole di ciò che sta uccidendo i coralli della Grande Barriera Corallina, l’eccesso di calore che viene fornito dalla combustione di combustibili fossili”, ha detto Al New York Times. “Se il governo Turnbull fosse stato serio riguardo il salvataggio della barriera corallina, avrebbe indicato questa industria come la vera responsabile per i danni causati”.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *