• Articolo Washington, 4 settembre 2018
  • Tutela dell’acqua: La Banca mondiale lancia il primo water bond

  • L’istituto ha rivelato piani per lanciare la prima serie di obbligazioni al mondo volte a far progredire in maniera sostenibile la gestione delle risorse idriche e oceaniche

water bond

 

Presentato il primo water bond sostenibile della World Bank

(Rinnovabili.it) – La Banca Mondiale alza il sipario sul primo water bond sostenibile al mondo, parte di un progetto più ampio di obbligazioni emesse per sensibilizzare sul ruolo fondamentale che le risorse idriche e oceaniche svolgono nello sviluppo in tutto il mondo. Annunciata alla fine di agosto, l’iniziativa mira a  raccogliere almeno 3 miliardi di dollari offrendo agli investitori l’opportunità di evidenziare il loro supporto nei confronti degli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) che riguardano specificatamente l’acqua, i servizi igienico-sanitari e la protezione marina. “Il 70 per cento della superficie del pianeta è acqua, ma le risorse oceaniche degradate e la mancanza di accesso a fonti potabili influenzano negativamente la vita di centinaia di milioni di persone”, ha commentato Kristalina Georgieva, Chief Executive Officer della Banca Mondiale. “Attraverso questa serie di obbligazioni ricorderemo agli investitori e ai mercati che dobbiamo proteggere oggi le nostre risorse idriche e marine per le generazioni di domani”.

 

>>Leggi anche Green bond: c’è chi usa la carota e chi il bastone<<

 

Per il primo water bond – spiega l’Istituto finanziario in una nota stampa – è stato fissato un prestito obbligazionario di un miliardo di corone svedesi (94 mln di euro circa) a 7 anni. La Banca è concentrata sulla conservazione e l’uso sostenibile dell’acqua attraverso due specifici obiettivi (SDG 6 e SDG 14) e con la nuova obbligazione “blu” cercherà di sfruttare l’appoggio degli investitori che danno priorità a queste aree: una gestione sostenibile delle fonti idriche per garantire l’accesso e la sicurezza dell’acqua e un uso sostenibile delle risorse oceaniche e marine. “Le obbligazioni per lo sviluppo sostenibile della World Bank – aggiunge Arunma Oteh, Vice Presidente e Tesoriere della Banca Mondiale – rappresentano un’opportunità per gli investitori di puntare su prodotti sicuri e liquidi man mano che diventano più coinvolti nell’obiettivo del loro investimento. Sono un contributo importante nel viaggio verso mercati dei capitali sostenibili”.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *