• Articolo Giussago, 21 ottobre 2011
  • Inaugurato stamattina il nuovo parco della società energetica

    Bosco E.On, un nuovo albero per ogni contratto

  • Per ogni nuovo contratto energetico firmato E.On si impegna a piantare un albero nel parco di Giussago. Ogni albero sarà in grado di assorbire 400 kg di CO2

(Rinnovabili.it) – Oltre alla produzione di energia a basso impatto ambientale E.On si sta impegnando in un’importante iniziativa di forestazione nelle vicinanze di Milano. Bosco E.On, questo il nome del progetto, si traduce quindi nella piantumazione di un nuovo albero per ogni nuovo contratto energetico firmato, albero che troverà spazio all’interno dei 7 ettari del parco di Giussago. Un’idea green che ha trovato il consenso del territorio e della vicina cittadinanza che stamane ha presieduto all’inaugurazione del bosco insieme al sindaco di Giussago, Massimiliano Sacchi e al Presidente e Amministratore Delegato di E.ON Italia, Miguel Antoñanzas.

Seguendo i i criteri del Codice Etico del Comitato Parchi per Kyoto il nuovo parco verde servirà soprattutto a mantenere la biodiversità del luogo contribuendo alla diversificazione del paesaggio e alla compensazione della CO2.

“Il rispetto dell’ambiente è tra le priorità del Gruppo e questo progetto di forestazione ne rappresenta un passo significativo, contribuendo alla riduzione della CO2. In qualità di operatori responsabili, puntiamo inoltre a costruire una cultura ecosostenibile che preveda l’utilizzo di fonti rinnovabili nella produzione e vendita di energia, oltre che a fornire misure di efficienza e risparmio energetico per i nostri consumatori” – ha commentato il Presidente e Amministratore Delegato di E.ON Italia, Miguel Antoñanzas. “Questa iniziativa è parte di una strategia di sostenibilità ambientale e posizionamento verde del Gruppo E.ON chiamata Cleaner & Better Energy.”

Per ogni albero piantato il beneficio ambientale equivarrà, se calcolato sull’intera vita della pianta, a ben 400 kg di anidride carbonica assorbita. Allo stato attuale il bosco E.On riesce a compensare 800 tonnellate di CO2, grazie oltre che alla firma di contratti energetici green, alla possibilità per i consumatori di accumulare punti derivanti dalle quantità di energia risparmiate, punti che si possono tradurre in un nuovo albero da piantare.