• Articolo Pechino, 9 marzo 2015
  • In un fine settimana aveva raccolto 150 milioni di visualizzazioni

    Censurato il documentario sull’inquinamento in Cina

  • Sabato è stato rimosso “Under the Dome”, che denuncia l’inerzia cinese sull’inquinamento. Ma la censura governativa scatena proteste sui social

Censurato il documentario sull’inquinamento in Cina_

 

(Rinnovabili.it) – Qualcuno ha visto “Under the Dome”, il documentario sull’inquinamento in Cina diventato virale nello spazio di un fine settimana? Se vi trovate in Cina siete stati fortunati, perché adesso è scomparso dal web, censurato dal governo. In occidente, invece, si trova ancora su Youtube, sottotitolato in inglese e francese. Aveva raccolto 150 milioni di visualizzazioni, e aperto un dibattito tale da far crollare in borsa le compagnie del carbone e del petrolio. Il ministro dell’Ambiente cinese aveva perfino dichiarato di considerarlo un fenomeno sociale pari a quello innescato, nel 1962, dal best seller di Rachel Carson, “Primavera silenziosa”.

 

Under the Dome (“Sotto la cupola”), documentario di 103 minuti autoprodotto dalla ex giornalista tv Chai Jing, denuncia il grave problema di inquinamento del Paese, con linguaggio semplice e diretto. Per tutto il filmato vediamo la presentatrice su un palco, che spiega agli spettatori gli effetti dello smog sulla salute con l’aiuto di uno schermo. Alla parte più didascalica si alternano fasi in cui Chai Jing racconta la sua esperienza personale. Da donna non particolarmente interessata all’inquinamento atmosferico, ne ha scoperto gli effetti devastanti quando ha saputo che la bimba che portava in grembo aveva un tumore (benigno). A quel punto, il suo mondo è cambiato. La figlia, una volta nata, avrebbe dovuto respirare, mangiare e bere in Cina, e in ciascuna di queste azioni vitali avrebbe introdotto sostanze nocive nel suo sistema.

Con queste premesse, Chai Jing ha accusato il governo e le autorità ambientali di debolezza e incapacità di migliorare la qualità della vita dei cinesi, e le aziende di non volersi riconvertire per l’attaccamento ai profitti.

 

Censurato il documentario sull’inquinamento in Cina1

 

Under the Dome è diventato la fonte di milioni di cinesi per conoscere i costi sociali e sanitari di inquinamento. Ma l’enorme popolarità di un appassionato film indipendente sulla spinosa questione sembra aver innervosito le autorità. Così – non è certo la prima volta – è stato rimosso sabato, appena due giorni dopo che il premier Li Keqiang aveva promesso di mettercela tutta per ridurre la coltre mefitica.

La Cina gestisce la macchina di censura più formidabile del mondo, che ha preso il nome di Great Firewall. Ma questa interferenza nella libertà di espressione è sempre più difficile da far digerire ai cinesi. Alcuni utenti dei social media locali hanno espresso frustrazione per la rimozione del documentario.

«Quando questo Paese sarà in grado di affrontare le volontà del suo popolo?» ha scritto un utente di Weibo, citato dall’agenzia di stampa AFP. Un altro, citato da Reuters, ha scritto: «Alcune persone hanno il potere di soffocare completamente Under the Dome su internet, ma non hanno il potere di nascondere la foschia in questo Paese».

 

Censurato il documentario sull’inquinamento in Cina-

2 Commenti

  1. Ale
    Posted agosto 7, 2015 at 4:37 am

    Scusate, ma censurato dove? Su tutti i maggiori siti cinesi di videosharing e’ tranquillamente visualizzabile…di cosa stiamo parlando?

    • stefania
      Posted agosto 7, 2015 at 8:52 am

      quando è stato scritto l’articolo, ovvero quasi 5 mesi fa, era stato fatto sparire dai canali cinesi, rimosso più e più volte dopo qualsiasi ripubblicazione.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *