• Articolo Roma, 6 agosto 2015
  • Chi scommette ancora sul nucleare?

  • Nel 2014 le rinnovabili hanno battuto il nucleare dimostrandosi più allettanti per gli investitori. Ma 14 Nazioni fanno ancora programmi sull’energia atomica

Chi scommette ancora sul nucleare?

(Foto di Enrico Bertuccioli)

 

(Rinnovabili.it) – Il nucleare è in crisi. A riferirlo è il World Nuclear Industry Status Report, gruppo di valutazione indipendente sugli sviluppi dell’energia atomica nel mondo.  Nella sua relazione 2015, il gruppo di esperti conferma non solo il declino degli investimenti mondiali nel settore (frenati in parte dalle preoccupazioni di una seconda Fukushima), ma anche il deciso sorpasso effettuato dalle energie rinnovabili. Gli autori hanno identificato 391 reattori in funzione in tutto il mondo al 1 ° luglio 2015, in 31 paesi, con una capacità installata di 337 GW: leggermente superiori alle cifre registrate un anno fa (pari a una crescita del 2,2% rispetto lo scorso anno), ma ben al di sotto del record raggiunto nel 2002 per il numero di reattori (438), e nel 2010 la potenza installata (367 GW). Questo calo, dovuto in gran parte alla chiusura prolungata di 40 reattori giapponesi, è ben lungi dall’essere compensato da nuovi impianti.

 

Nonostante il nucleare abbia alle spalle una storia più consolidata, è stato raggiunto da eolico e il fotovoltaico. Un esempio su tutti: la Repubblica popolare nel 2014 ha speso più di 83 miliardi di dollari in vento e Sole messi assieme a fronte di un investimento di circa 9 miliardi in centrali atomiche: quasi 10 volte tanto. Con l’energia prodotta dalle dighe idroelettriche, la produzione di energia pulita ha già superato quella del nucleare in Cina, India, Giappone, Brasile, Messico, Germania, Paesi Bassi e Spagna. In realtà, quando si guarda l’evoluzione raggiunta nel settore delle green energy l’efficienza energetica e lo stoccaggio di energia solo nel corso degli ultimi cinque anni e poi la si confronta con la mancanza di progressi sostanziali compiuti nel campo dell’energia atomica negli ultimi 30 anni, non ci vuole molto per comprendere perché le fonti verdi stiano avendo la meglio.

 

Malgrado ciò c’è chi continua dimostra di non volerlo abbandonare: Cina, Regno Unito, Finlandia, Giappone e altri 10 Paesi stanno progettando nuovi reattori anche se la realizzazione procede molto lentamente e la fine dei lavori sembra ben lontana: tre quarti dei cantieri sono in ritardo, ed in particolare alcuni di essi vanno avanti da oltre 30 anni. Un dato su cui sarebbe bene riflettere a lungo.

 

20150729_Nuclear_Reactors_Forbes_2 (1)

 

 

2 Commenti

  1. Matrcello Meneghin
    Posted agosto 12, 2015 at 3:57 pm

    La mancanza di progressi sostanziali compiuti nel campo dell’energia atomica negli ultimi 30 anni rappresenta un errore gravissimo in buona parte dovuto all’ubriacatura delle rinnovabili le quali a loro volta sono cresciute soprattutto grazie agli incentivi ricevuti da chi le ha adottate ma non per i vantaggi reali. Nessuno è in grado di stimare quali vantaggi effettivi si sarebbero invece ottenuti se gli studi e l’impegno economico corrispondente agli incentivi corrisposti come detto fossero stati indirizzati verso nuovi sistemi di produzione di energia elettrica tramite nucleare comprendenti la salvaguardia dell’ambiente e la non produzione di scorie pericolose

  2. Enrico Bertuccioli
    Posted agosto 20, 2015 at 4:48 pm

    Sono l’autore della illustrazione che appare nell’articolo. Ho notato che il mio nome non compare da nessuna parte e che probabilmente avete preso l’immagine da internet. Vi chiedo quindi, nel caso vogliate usufruire di altre illustrazioni o vignette a corredo dei vostri articoli, il favore di indicare almeno il nome dell’autore.
    Grazie.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *