• Articolo Southampton, 1 settembre 2014
  • Uno studio pubblicato sulla rivista Nature Geoscience

    Clima: l’acqua dolce innalza il livello del mare in Antartide

  • Lo scioglimento dei ghiacciai e delle piattaforme galleggianti sta facendo crescere notevolmente il livello del mare in Antartide. Lo rivelano i ricercatori dell’Università di Southampton

(climaRinnovabili.it) – Continua a crescere il livello del mare in Antartide. Scienziati ed esperti del clima lo ripetono oramai da anni ma lo scioglimento dei ghiacci è inarrestabile, e troppo poco viene fatto per la salvaguardia degli equilibri del pianeta.

Lo scioglimento della calotta di ghiaccio dell’Antartide e l’assottigliamento delle piattaforme ghiacciate galleggianti hanno contribuito a fornire un surplus di circa 350 miliardi di tonnellate di acqua che si sono riversate nell’oceano circostante. Questo fenomeno ha portato ad una riduzione della salinità negli oceani nelle aree circostanti, come verificato da analisi effettuate in loco.

Un nuovo studio, che ha preso in considerazione i dati riguardanti gli ultimi 19 anni, rivela come l’acqua dolce derivante dallo scioglimento dei ghiacciai ha portato il livello del mare lungo la costa dell’Antartide a salire di 2 centimetri in più rispetto alla media mondiale di 6 cm. Gli autori, scienziati dell’Università di Southampton (Regno Unito), hanno rilevato il rapido aumento del livello del mare analizzando le immagini satellitari di una regione che si estende su più di un milione di chilometri quadrati.

 

“L’acqua dolce è meno densa dell’acqua salata, è per questo che nelle regioni in cui si è accumulato un eccesso di acqua dolce è previsto un innalzamento del livello del mare localizzato”, ha dichiarato Craig Rye, uno dei principali autori di questo documento, condotto in collaborazione con gli scienziati del Centro Nazionale di Oceanografia e il British Antarctic Survey del Regno Unito e i cui risultati sono pubblicati sulla rivista Nature Geoscience.

Oltre alle osservazioni satellitari, i ricercatori hanno condotto simulazioni al computer degli effetti dello scioglimento dei ghiacciai dell’Oceano Antartico, e i risultati dei test che rispecchiano fedelmente l’immagine del mondo reale data dai dati satellitari.

 

“Il modello computerizzato supporta la teoria che l’aumento del livello del mare che osserviamo nei nostri dati satellitari è dovuto quasi interamente ad un raffreddamento delle acque e alla diminuzione dello scioglimento della calotta di ghiaccio e delle piattaforme di ghiaccio”, ha spiegato Craig. “L’interazione tra l’aria, il mare e il ghiaccio in questi mari è fondamentale per la stabilità della calotta di ghiaccio dell’Antartide, del livello dei mari globali e dei processi ambientali” ha aggiunto concludendo.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *