• Articolo Roma, 13 luglio 2015
  • In vista della Cop 21 di Parigi

    Verso Parigi 2015 con un puzzle di impegni sul clima

  • Ogni contributo nazionale sul clima è diverso dall’altro. Un mosaico di numeri e date che abbiamo raccolto per fare il punto della situazione

Clima i piani di taglio delle emissioni Stato per Stato -

 

(Rinnovabili.it) – Con i negoziati sul clima di Parigi alle porte, i 195 paesi che partecipano al summit delle Nazioni Unite sono stati invitati dall’ONU a presentare i piani d’azione nazionali di contrasto al cambiamento climatico. Finora meno di 40 paesi hanno ufficialmente presentato i loro impegni (INDCs) all’UNFCCC. Ma tra quelli che l’hanno fatto si contano alcune tra le più grandi economie del mondo, come UE e USA. Per fare il punto, Rinnovabili.it ha raccolto alcuni degli impegni più significativi.

 

Canada ha proposto di ridurre le sue emissioni del 30% rispetto ai livelli del 2005 entro il 2030. Questo obiettivo richiederà Canada di avviare la decarbonizzazione ad un tasso del 3,9% l’anno, simile a quello della Francia quando, negli anni ’80, è passata al nucleare.

 

Cina si è impegnata per raggiungere il picco di CO2 prima del 2030, e ha detto che ridurrà le emissioni per unità di PIL del 60-65% entro il 2030 rispetto ai livelli 2005. Entro la stessa data, si è data l’obiettivo di aumentare le fonti non fossili nel consumo di energia primaria a circa il 20 per cento. Il governo ha dichiarato che raggiungere il target richiederà investimenti in infrastrutture low carbon per 6 mila miliardi di dollari in 15 anni.

 

Etiopia  ha promesso una riduzione del 64% entro il 2030, rispetto a uno scenario business as usual. Data la crescita economica prevista del Paese, ciò equivale a un taglio del 3% rispetto al 2010.

 

Gabon ha detto che ridurrà la CO2 del 50% entro il 2025 rispetto ad uno scenario business as usual.

 

Islanda dichiara che aiuterà l’UE a raggiungere il suo obiettivo di ridurre i gas a effetto serra di almeno il 40% rispetto ai livelli del 1990 entro il 2030.

 

Giappone ridurrà le emissioni del 26% sui livelli del 2013, al 2030. Il Paese è stato criticato per la scarsa ambizione dei suoi obiettivi. Tuttavia, data una crescita attesa dell’1.4%, significherebbe che il tasso di decarbonizzazione salirebbe dallo 0.5% al 3.1% annuo.

 

Liechtenstein si è impegnato a garantire una riduzione delle emissioni del 40% sui livelli del 1990 entro il 2030, in linea con l’Unione Europea.

 

Messico si è impegnato a ridurre la CO2 del 22% rispetto ai a uno scenario al 2030 di business as usual. Rispetto ai livelli 2005, si tratta di una riduzione del 6% circa. Potrebbe aumentare il suo obiettivo al 36% in caso di un accordo globale sul prezzo del carbonio. Anche la riduzione del 22% rappresenterebbe una svolta nelle politiche climatiche e negli investimenti. Infatti, richiederebbe al Paese un tasso di decarbonizzazione del 4,8% annuo, che lo pone tra le economie in via di sviluppo con i piani più ambiziosi.

 

Clima i piani di taglio delle emissioni Stato per Stato 1

 

Marocco Prevede un taglio del 13% rispetto al business as usual, che potrebbe salire al 32% se ricevesse nuove fonti di finanziamento da parte delle nazioni più ricche.

 

Norvegia Si impegna a ridurre di almeno il 40% la CO2 entro il 2030, rispetto ai livelli del 1990.

 

Russia Si è impegnata a ridurre le emissioni del 25 -30% entro il 2030 rispetto ai livelli del 1990, a seconda di come andranno i negoziati e a seconda dei contributi degli altri Paesi.

 

Serbia Ha detto che taglierà le emissioni del 9,8% entro il 2030 rispetto ai livelli del 1990. Questo porterà ad un aumento della CO2 complessiva del 15%.

 

Corea del Sud Ridurrà le emissioni del 37% rispetto al business as usual, un obiettivo superiore rispetto alla riduzione del 15-30% che aveva inizialmente proposto.

 

Clima i piani di taglio delle emissioni Stato per Stato

 

Svizzera Prevede un taglio del 50% entro il 2030 rispetto ai livelli del 1990, superando l’impegno dell’UE. Tuttavia, utilizzerà anche i crediti di carbonio previsti da meccanismi internazionali per raggiungere l’obiettivo.

 

Stati Uniti Hanno dichiarato una riduzione delle emissioni del 26-28% rispetto al 2005 entro il 2025. Più o meno, il taglio richiederà uno sforzo simile a quello dell’UE. Anche gli Stati Uniti dovranno quasi raddoppiare l’attuale tasso di decarbonizzazione per raggiungere l’obiettivo. Sulla base di previsioni di crescita economica previsti, gli Stati Uniti dovranno decarbonizzare a un tasso di circa il 4% l’anno.

 

Unione europea ha detto che nel 2030 avrà ridotto le emissioni di gas serra del 40% rispetto ai livelli del 1990. In considerazione della crescita economica prevista nella regione, questo significa che l’UE dovrà raddoppiare il tasso di decarbonizzazione per raggiungere l’obiettivo.

 

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *