• Articolo Bonn, 6 maggio 2013
  • La riunione del gruppo di lavoro della Piattaforma di Durban per un'Azione Rafforzata

    Clima, più vicino il testo dell’accordo globale

  • Riuniti a Bonn i delegati di oltre 160 Paesi si sono accordati su una serie di misure concrete per contrastare il cambiamento climatico che rientreranno nella nuova intesa globale

Clima, più vicino il testo dell’accordo globale(Rinnovabili.it) – Primo passo avanti verso la stesura del testo del nuovo accordo climatico globale. Sotto l’egida dell’Onu sono riuniti in questi giorni a Bonn, in Germania, i delegati di oltre 160 Paesi con il compito di discutere una serie di misure di politica climatica da inserire nella bozza dell’intesa. “Le nazioni si sono accordate su soluzioni concrete per accelerare e scalare l’azione globale”, ha commentato Christiana Figueres, segretario esecutivo della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) a margine delle trattative tedesche. La Figueres ha anche rivelato che i rappresentanti hanno anche discusso come realizzare un accordo fra le varie nazioni che possa essere misurabile, trasparente e verificabile.

 

La riunione, la prima del gruppo di lavoro ad hoc della Piattaforma di Durban per un’Azione Rafforzata, è servita innanzitutto permettere i puntini sulle “i” e sottolineare ai delegati presenti quanto si è raggiunto fino ad oggi in termini di energia pulita e progressi low carbon in tutto il mondo. Figueres ha ricordato ai governi nel corso dell’incontro che “mentre in molti possono ritenersi sulla buona strada per raggiungere i traguardi fissatisi, sono tutti ancora molto lontani dal soddisfare le esigenze della scienza”. Mentre il termine per un accordo climatico globale è la fine del 2015 infatti, le nazioni devono agire subito creandosi fin da ora un’idea di quello che dovrà essere messo nero su bianco in poco più di 12 mesi. Tuttavia le discussioni a Bonn questa settimana hanno nuovamente sottolineato come, mentre la stragrande maggioranza delle nazioni concordano che siano di vitale importanza  interventi urgenti in materia di emissioni di carbonio, continui a esserci un’ampia divergenza su come questo obiettivo dovrebbe essere raggiunto.