• Articolo San Paolo, 12 novembre 2012
  • Un accordo stretto con la JBF

    Coca Cola investe nel PlantBottle

  • Grazie alla partnership tra Coca Cola e JBF verrà costruito il più grande impianto al mondo per la produzione di PlantBottle, biomateriale utilizzato per la produzione di ecoplastica per bottiglie

(Rinnovabili.it) – Si allargano gli orizzonti verdi della Coca Cola & Co., che per ridurre il proprio impatto ambientale ha deciso di investire nella produzione di plastica green, da trasformare in bottiglie per le proprie bevande.

Il marchio ha infatti stretto un accordo con la JBF Industries per aumentare la produzione del materiale ecologico noto come PlantBottle, lanciato nel 2009. Da quel momento la Coca Cola ha distribuito circa 10 milioni di confezioni prodotte con questo materiale innovativo in 24 paesi, evitando il consumo di oltre 200mila barili di petrolio e la produzione di 690mila tonnellate di CO2 l’anno.

 

Grazie all’accordo la JBF costruirà il più grande impianto al mondo per la produzione di bioglycol, l’ingrediente chiave utilizzato per le PlantBottle. L’impianto, la cui costruzione dovrebbe durare un paio d’anni, sarà situato a San paolo, in Brasile, e utilizzerà gli scarti locali della canna da zucchero nella catena di produzione. A regime le stime evidenziano un potenziale produttivo di 500mila tonnellate metriche di materiale l’anno e Coca Cola si è posta l’obiettivo di utilizzare PlantBottle per la produzione di tutte le sue bottiglie entro il 2020.

“Coca-Cola ha venduto più di 10 miliardi di confezioni PlantBottle in tutto il mondo, confezioni che sono meno dipendenti dal petrolio e hanno un minore impatto ambientale. Siamo lieti che la nostra partnership con le industrie JBF ci aiuterà a espandere ulteriormente la produzione globale” hanno affermato dalla Coca Cola.