• Articolo Milano, 28 maggio 2012
  • Le convenzioni tra Amministrazione e associazioni civiche dureranno da 1 a 3 anni

    Con i ‘Giardini Condivisi’, Milano recupera le aree abbandonate

  • Il progetto sperimentale vedrà il coinvolgimento diretto dei cittadini nella gestione ‘green’ delle aree urbane da riqualificare

(Rinnovabili.it) – E’ partito il progetto “Giardini Condivisi”, il nuovo programma sperimentale approvato recentemente dalla Giunta Comunale di Milano che avrà come obiettivo il recupero ‘green’ delle aree abbandonate e in stato di degrado presenti in città. Grazie alla partecipazione delle varie associazioni civiche (con il diretto coinvolgimento dei cittadini) i giardini condivisi saranno in particolare utilizzati per il giardinaggio, ornamentale o orticolo, con particolare attenzione all’aspetto ecologico: verranno infatti consentite solo pratiche biologiche, biodinamiche, ecosostenibili e vietato l’uso di pesticidi, diserbanti, sementi Ogm. Nei nuovi giardini ci sarà infine la possibilità di realizzare i spazi a coltivazione collettiva per favorire la socializzazione e la coesione sociale, agevolata grazie anche all’organizzazione, da parte dell’Amministrazione, di eventi e iniziative aperte a tutti i cittadini.

Secondo l’assessore al Demanio Lucia Castellano questo progetto “Sarà un modo per sottrarre al degrado e all’abbandono spazi altrimenti inutilizzati, e favorire momenti di incontro e socializzazione nei quartieri, soprattutto periferici. Il tutto senza alcun costo per l’Amministrazione comunale”. “È un programma molto importante – prosegue Castellano –perché punta a recuperare spazi abbandonati della città, riqualificandoli con iniziative ecosostenibili. Contiamo molto sulla collaborazione dei cittadini, dai quali ci aspettiamo idee innovative di cui Milano ha bisogno”.