• Articolo Milano, 1 marzo 2012
  • Lo strumento si basa sull’approccio “dalla culla alla culla”

    Con l’Eco Tool del CONAI l’imballaggio diventa più verde

  • Il Consorzio per il recupero degli imballaggi ha messo a punto con la LCE uno strumento che consentirà alle aziende di migliorare l’efficienza ambientale dei propri imballaggi

(Rinnovabili.it) – Sensibilizzare le aziende sull’impatto ambientale dei propri imballaggi. Con questo obiettivo è stato presentato oggi, nell’ambito della Fiera Ipack-Ima, il nuovo Eco Tool del Consorzio per il recupero degli imballaggi (CONAI), uno strumento che consente di toccare con mano la migliorata efficienza ambientale dell’imballaggio, raggiunta attraverso misure che ne hanno migliorato gli impatti ambientali. Lo strumento è stato realizzato dal Consorzio con il supporto della Life Cycle Engineering (LCE) e consente di calcolare gli effetti positivi che la prevenzione delle aziende apporta agli imballaggi in termini di riduzione delle emissioni, dei consumi energetici e di quelli idrici, ovvero quelli che CONAI definisce gli indicatori di performance.

Sul sito dedicato, CONAI suggerisce 6 azioni virtuose che le aziende possono mettere in pratica sui loro imballaggi (Risparmio di materia prima; Riutilizzo; Utilizzo di materiale riciclato; Ottimizzazione della logistica; Facilitazione delle attività di riciclo; Semplificazione del sistema imballo), alle quali poi possono aggiungersi anche altri interventi legati più ai processi di produzione, alla ricerca e alle innovazioni tecnologiche e gestionali. Ogni azienda interessata potrà presentare il proprio caso di imballaggio eco-efficiente al Consorzio, che ne curerà la pubblicizzazione e promozione all’interno del “Dossier Prevenzione”.