• Articolo Roma, 12 luglio 2012
  • Per trascorrere delle vere eco-vacanze

    Con la ‘mail verde’ Comieco ti insegna a differenziare in vacanza

  • Dal consorzio un sistema pratico, veloce e interattivo per non partire impreparati commettendo poi errori sulla raccolta differenziata della carta

(Rinnovabili.it) – Per partire preparati anche dal punto di vista della tutela ambientale, per questa estate 2012 Comieco, il Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli imballaggi a base Cellulosica, viene incontro ai vacanzieri con un nuovo strumento per facilitare la differenziata anche quando si è lontani da casa. Il consorzio ha infatti attivo in questi giorni una  ‘mail verde’ per fornire in tempo reale, a quanti si trovino alle prese con l’organizzazione di una vacanza, le regole della raccolta di carta e cartone nel comune di destinazione. Uno strumento utile, ma soprattutto un invito ad essere responsabili anche in ferie, soprattutto alla luce del dato che vuole il 60% dei rifiuti dei Comuni costieri prodotto esattamente nel periodo estivo.

“Ogni Comune ha le sue regole – spiega il Consorzio –  E se a Milano, ad esempio, la carta si butta nel cassonetto bianco, è importante sapere che a Firenze il contenitore nel quale va conferita è giallo. Sicuramente i siti web dei comuni di destinazione ci possono dare tutte le indicazioni necessarie, ma in più oggi Comieco offre a tutti la possibilità di richiedere informazioni scrivendo al primo indirizzo mail ‘verde’ comunicazione@comieco.org, il sistema pratico, veloce e interattivo per non partire impreparati commettendo poi errori sulla raccolta differenziata”.

E per chi fosse ancora a digiuno delle buone norme del riciclo della Carta il Consorzio ha pubblicato sul proprio sito anche un utile decalogo riassumendo le regole generali per trascorrere delle vere eco-vacanze ed evitare gli errori più comuni a cui si va incontro con questo tipo di rifiuti. Un esempio? Non conferire nella differenziata i fazzoletti di carta usati: “sono quasi tutti anti-spappolo  – spiega Comieco – e quindi difficili da riciclare”.