• Articolo Roma, 13 luglio 2016
  • Pubblicato il rapporto ISPRA

    Consumo di suolo, l’Italia perde 4 m2 al secondo

  • Quasi un miliardo all’anno il prezzo che dovremo pagare per la trasformazione forzata del territorio avvenuta tra il 2012 e il 2015

Consumo di suolo, l’italia perde 4 m2 al secondo

 

(Rinnovabili.it) – L’Italia continua a perdere terreno: dal 2012 al 2015 la crescita della copertura artificiale è aumentata dello 0,7%, invadendo fiumi, laghi, coste ed aree protette senza fermarsi neppure davanti a zone a pericolosità sismica o idraulica. E per ogni “pezzetto” di terreno sigillato, abbiamo ottenuto in cambio gravi processi degradativi che hanno limitano o inibito totalmente la funzionalità del suolo e dei servizi ecosistemici.

Ma il conto prima o poi arriva, come spiegano i nuovi dati dell’ISPRA sui costi occulti legati a questa fame di territorio: per fronteggiare le conseguenze del consumo di suolo degli ultimi tre anni gli italiani potrebbero pagare dal 2016 in poi oltre 800 milioni di euro.

 

I costi nascosti del consumo di suolo

Le scorrette pratiche agricole, la cementificazione selvaggia e la diffusione delle infrastrutture continuano inesorabilmente ad avanzare, mangiandosi letteralmente quattro metri quadrati  di terreno al secondo. I dati sono quelli pubblicati nel rapporto ISPRA sul Consumo di suolo in Italia 2016 presentato questa mattina a Roma durante la giornata dedicata al suolo.

La parte più interessante del documento è sicuramente quella legata ai costi nazionali “nascosti”, ossia quelli non direttamente percepiti, che cambiano in maniera sensibile a seconda del servizio ecosistemico perso o danneggiato: si va dalla produzione agricola (oltre 400 milioni di euro), allo stoccaggio del carbonio (circa 150 milioni), dalla protezione dell’erosione (oltre 120 milioni), ai danni provocati dalla mancata infiltrazione dell’acqua (quasi 100 milioni) e dall’assenza di impollinatori (quasi 3 milioni). Solo per la regolazione del microclima urbano (ad un aumento di 20 ettari per km2 di suolo consumato corrisponde un aumento di 0.6 °C della temperatura superficiale) è stato stimato un costo che si aggira intorno ai 10 milioni all’anno.

 

Maglia nera a Lombardia, Veneto e Campania

Nella classifica regionale del 2015, a fare peggio di tutti con oltre il 10% di suolo consumato sono state Lombardia, Veneto e Campania. In Emilia Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Puglia, Piemonte, Toscana, Marche troviamo valori compresi tra il 7 e il 10%.

A preoccupare non è solo sapere che oltre la metà del territorio nazionale (56%) risulti definitamente compromesso, ma anche che gli effetti negativi di questa cementificazione incontrollata si ripercuotono persino sui terreni adiacenti a quelli direttamente coinvolti. La perdita di parte delle funzioni fondamentali del suolo possono riflettersi fino a 100 metri di distanza.

 

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *