• Articolo Bruxelles, 10 ottobre 2012
  • Dal Retail Forum di Bruxelles

    Contro gli sprechi alimentari, l’impegno della vendita al dettaglio

  • Potočnik: “I dettaglianti dovrebbero essere i pionieri della diffusione dell’economia verde con interventi graduali che vadano oltre le soluzioni di facilità”

(Rinnovabili.it) – Anche il settore della vendita al dettaglio assume un impegno contro gli sprechi alimentari e lo fa dal Retail Forum, la piattaforma multilaterale volontaria creata nel 2009 e riunitasi ieri a Bruxelles. I commercianti presenti all’evento si son detti d’accordo a continuare quanto già intrapreso sul fronte della sostenibilità dei consumi e dell’efficienza attuando specifiche azioni ambientali in materia di rifiuti. Nello specifico, l’impegno riguarderà l’avvio campagne di sensibilizzazione, prevenzione e riduzione degli sprechi alimentari.

 

Un modello virtuoso già esiste ed quello risultate dalle tante best practies già messe in pratica. “Ad esempio – fa sapere la Commissione europea in una nota stampa –  IKEA è riuscita a riciclare fino all’86% dei rifiuti dei propri negozi e ha sviluppato progetti sostenibili che coinvolgono 100 000 agricoltori nel settore del cotone nei paesi fornitori. C&A in 3 anni ha raddoppiato le vendite di cotone biologico e l’anno scorso ha raggiunto i 32 milioni di articoli”. Molti rivenditori hanno ampliato la gamma di pesce proveniente da fonti sostenibili, come nel caso del gruppo Metro, mentre il gruppo REWE ha fornito ai consumatori informazioni circostanziate sulla delicatissima questione dei residui dei pesticidi negli ortofrutticoli.

 

“Gli sprechi di prodotti alimentari – ha dichiarato Janez Potočnik, Commissario per l’ambiente – sono da bandire sotto il profilo economico, e lo sono anche sotto il profilo morale. Per questo motivo la Commissione si è impegnata a dimezzare gli sprechi di prodotti commestibili entro il 2020. I commercianti al dettaglio, che entrano in gioco nel momento in cui i consumatori prendono le decisioni d’acquisto, svolgono un ruolo essenziale, anzi hanno una responsabilità nell’orientare i consumatori verso scelte più sostenibili”.