• Articolo Zagabria, 29 settembre 2015
  • Dopo il flop di Shell nell’Artico

    Croazia, via le trivelle dall’Adriatico: restano solo quelle italiane

  • Il calo del prezzo del petrolio e le nuove elezioni allontanano le trivelle dalle coste croate. Ad aspettare sviluppi sono rimaste solo ENI e Medoilgas

Croazia via le trivelle dall’Adriatico restano solo quelle italiane

 

(Rinnovabili.it) – Un prezzo del petrolio che staziona sui 45 dollari al barile, la lentezza della burocrazia, la fine del mandato del governo. È questo il cocktail di concomitanze che ha decretato la dipartita dei colossi energetici e delle loro trivelle dal mare Adriatico. Tuttavia, la sponda interessata è quella croata, dove il piano predisposto dal governo Milanovic è fallito.

I contratti con le compagnie petrolifere assegnatarie dei “lotti” di estrazione non sono stati firmati e l’intero progetto di sfruttamento intensivo degli idrocarburi offshore è rimandato, almeno sino alle prossime elezioni, previste per la seconda metà di novembre.

«Diversamente da quanto annunciato – spiega Greenpeace – nella sua ultima riunione prima dello scioglimento del Parlamento l’esecutivo croato non ha affrontato la questione trivelle, né avviato un nuovo round per ricevere nuove offerte dalle compagnie petrolifere per lo sfruttamento degli altri lotti disponibili».

 

Croazia via le trivelle dall’Adriatico restano solo quelle italiane 3

 

Negli ultimi mesi, inoltre, alcune delle aziende che avevano avuto in concessione 10 delle 29 aree in cui è suddiviso il piano croato hanno fatto marcia indietro. Un consorzio di compagnie, che comprende OMV e Marathon Oil, ha rimesso le concessioni relative a 7 lotti.

L’unico che al momento sembra mantenere qualche possibilità di trivellazione, secondo Greenpeace, sarebbe proprio quello assegnato a un consorzio formato da ENI e MedoilGas, la stessa compagnia responsabile del progetto Ombrina Mare in Abruzzo.

 

Croazia via le trivelle dall’Adriatico restano solo quelle italiane 1«Siamo davanti a un fallimento clamoroso della strategia fossile croata, che fa venir meno lo sciocco mantra del “se lo fanno i nostri vicini, perché non farlo anche noi?”, ripetuto in questi mesi dalle lobby petrolifere e dal governo italiano – commenta Andrea Boraschi, responsabile della campagna Energia e Clima di Greenpeace Italia – Il tutto avviene per giunta nei giorni in cui anche la Shell interrompe le sue attività petrolifere nell’Artico. In vista della Conferenza sul Clima di Parigi, le grandi superpotenze mostrano segnali inediti di impegno per la riduzione delle emissioni e le compagnie petrolifere arretrano. A non accorgersi della direzione in cui vanno l’industria energetica e il mondo restano solo Renzi e il suo esecutivo».

Secondo l’associazione ambientalista, la politica delle trivelle promossa dall’Italia non starebbe in piedi a meno di escamotage economico-normativi: «Le compagnie petrolifere sono ‘invitate’ a estrarre nei nostri mari a fronte del versamento di royalties tra le più basse del mondo, con la garanzia di procedimenti di analisi delle loro istanze indeboliti, di iter di approvazione ultrasemplificati e valutazioni ambientali che ignorano i rischi peggiori di questi impianti. Diversamente, le misere e qualitativamente povere riserve di petrolio e gas sotto i nostri fondali non varrebbero un piano di investimenti, né la realizzazione di infrastrutture energetiche».

Un Commento

  1. Gocce di verità
    Posted ottobre 5, 2015 at 4:52 pm

    Il vero problema non è che la Croazia se ne vada oggi: il vero problema è che per anni ci siamo fatti togliere risorse ambientali ed economiche dai vicini di casa stranieri, senza che la popolazione italiana potesse beneficiarne. Ora è il momento di far sì che i posti di lavoro derivanti dalle attività petrolifere e i soldi derivanti dalle royalties siano sfruttati in Italia. Quali opzioni concrete e immediatamente attuabili ci sono perché l’Italia abbia fonti di energia non fossili evitando però di causare un collasso economico?

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *