• Articolo Roma, 22 aprile 2013
  • Da GE impianto industriale di trattamento delle acque reflue

  • Un’azienda spagnola di lavorazione del pollame potenzia il proprio impianto di trattamento delle acque reflue con la tecnologia LEAPmbr di GE basata su bioreattore a membrana

GE (NYSE: GE) ha annunciato l’implementazione della sua tecnologia ad alte prestazioni LEAPmbr* basata su bioreattore a membrana (MBR) presso l’impianto di trattamento delle acque reflue dell’azienda spagnola di lavorazione del pollame Procavi S.L.

La tecnologia LEAPmbr di GE aiuterà l’azienda Procavi a migliorare la qualità delle acque e raddoppierà la capacità di trattamento delle acque, senza ampliare lo stabilimento esistente. Si tratta del primo impianto industriale basato su tecnologia LEAPmbr.

Le normative in materia di scarico delle acque reflue e le norme in materia di qualità delle acque, insieme a un aumento della produzione dello stabilimento, hanno spinto Procavi ad ampliare il proprio impianto di trattamento delle acque reflue esistente.

La tecnologia LEAPmbr di GE ha consentito a Procavi di aumentare la propria capacità di trattamento della acque mantenendo lo stesso ingombro dell’impianto. Il precedente impianto di trattamento delle acque reflue produceva 600 m3/giorno, mentre oggi può trattare il doppio di tale quantità – ovvero 1.200 m3/giorno.  GE ha fornito la tecnologia ad Agua, Energia y Medio Ambiente, Servicios Integrales, S.L. (AEMA), la società spagnola di ingegneria, approvvigionamento e costruzioni che gestisce per conto di Procavi l’impianto di trattamento delle acque reflue recentemente potenziato.

Luis Carlos Martinez, direttore tecnico di AEMA, ha affermato: “La tecnologia LEAPmbr di GE era la scelta ideale per il potenziamento dell’impianto di trattamento delle acque reflue di Procavi. Abbiamo installato facilmente le nuove attrezzature senza aumentare le dimensioni dello stabilimento. Inoltre, LEAPmbr è una soluzione efficiente sia in termini di costi che di consumi, in grado di soddisfare le esigenze di ampliamento di Procavi”.

La nuova capacità dell’impianto di trattamento delle acque reflue potenziato è pari al consumo idrico giornaliero di circa 6.000 persone. Una volta trattate, le acque verranno riutilizzate per il lavaggio all’interno dello stabilimento di produzione e per l’irrigazione.

L’impianto di trattamento delle acque reflue di Procavi è un potenziamento dello stabilimento esistente, situato nella provincia di Siviglia, nel sud della Spagna. Le acque reflue dello stabilimento verranno immesse nel fiume Corbones, un affluente del Guadalquivir.

Yuvbir Singh, direttore dell’area tecnologie dell’acqua e di processo della divisione GE Power & Water, ha dichiarato: “Quando lo stabilimento di lavorazione del pollame di Procavi aveva bisogno di potenziare il proprio impianto di trattamento delle acque reflue, ha dovuto tener conto della possibilità di riutilizzo, delle rigide normative della regione in materia di scarico delle acque, dei limiti di spazio presso lo stabilimento e della necessità di una soluzione efficiente sia in termini di costi che di consumi. La tecnologia LEAPmbr di GE garantisce la migliore qualità delle acque reflue e i consumi energetici più bassi nella sua categoria. Inoltre, l’impianto di trattamento delle acque reflue ha consentito un incremento della capacità senza aumentarne l’ingombro, rendendo la tecnologia LEAPmbr di GE la soluzione giusta per le esigenze di Procavi”.