• Articolo Campobasso, 23 gennaio 2013
  • Dal Molise 14 mln al PAI “Sostenibilit@ccoglienza”

  • L’amministrazione regionale firma l’accordo di programma con il partenariato proponente

È stato sottoscritto, oggi 23 gennaio presso la Sala Giunta del Palazzo della Regione Molise, l’Accordo di Programma tra il Presidente della Regione, Michele Iorio, e il partenariato proponente il Progetto Aree Interne “Sostenibilit@ccoglienza”.

Il Progetto, candidato dal Comune di Larino, nell’ambito della Strategia regionale per lo Sviluppo Locale per le aree interne, è stato approvato con Delibera di Giunta Regionale n. 24 del 15 gennaio 2013.

Il programma degli investimenti previsto nel PAI, è finalizzato, al recupero dei centri storici a fini turistici ed alla valorizzazione del patrimonio culturale, allo sviluppo e potenziamento dei servizi socio-assistenziali rivolti ad anziani, alla tutela dell’ambiente e al risparmio energetico e al miglioramento della qualità dei servizi pubblici locali. Gli interventi programmati nell’ambito del PAI interessano i Comuni di  Bonefro, Casacalenda, Castellino del Biferno, Colletorto, Larino, Montelongo, Montorio nei Frentani, Morrone del Sannio, Provvidenti, Ripabottoni, Rotello, San Giuliano di Puglia, Santa Croce di Magliano, Ururi.

 

Complessivamente, oltre 14 milioni di euro verranno destinati allo sviluppo del territorio dell’area del PAI “Sostenibilit@ccoglienza”.

Nello specifico, 7,8 milioni di euro per la realizzazione di interventi infrastrutturali volti alla valorizzazione del patrimonio storico culturale, storici per il risparmio energetico e per il miglioramento dell’accessibilità e l’uso sostenibile delle risorse naturali e lo sviluppo del turismo sostenibile;  circa 722 mila euro per l’attivazione di politiche a favore dei giovani, finalizzati alla promozione dell’occupazione e, a favorire la nascita di nuove imprese; oltre 167 mila euro per attivare azioni di raccordo e di standardizzazione delle procedure ai fini di una gestione coordinata e semplificata dell’intero Progetto integrato.

A tali interventi si aggiungono quelli da realizzare nell’ambito del settore degli “Schemi idrici”, della “Depurazione” e della “Raccolta differenziata” per un importo complessivo di oltre 6,4 milioni di euro.