• Articolo Washington, 7 ottobre 2011
  • Un aumento dell'1,3%

    Dall’EPA norme anti-emissioni meno rigide per le centrali inquinanti

  • Era stato annunciato: la revisione dei bilanci delle aziende ha condotto ad alzare i livelli degli inquinanti permessi

(Rinnovabili.it) –  Era stato annunciato solo ieri e dall’EPA arriva prontamente la conferma: i limiti di emissioni concesse alle centrali energetiche a gas e carbone presenti in 27 stati americani verranno alzati, anche se cautamente, permettendo agli impianti di inquinare un po’ di più rispetto a quanto annunciato nel mese di luglio.

Le lievi modifiche annunciate dovrebbero quindi aggirarsi intorno ad un aumento delle emissioni concesse dell’1,3% per il diossido di zolfo e per gli ossidi di azoto rispetto agli standard previsti. Nonostante l’annuncio dieci dei ventisette stati coperti dal Cross-State Air Pollution Rule chiedono di vedere nero su bianco le nuove normative che appena annunciate hanno suscitato il malcontento delle associazioni ambientaliste e delle ONG. A tale richiesta l’Agenzia ha risposto ribadendo che un aumento dell’1% non condiziona l’impatto ambientale delle centrali e non rappresenta un indebolimento delle norme ma un adeguamento necessario dovuto alla consultazione dei dati inviati dalle centrali.

L’EPA ha inoltre ricordato che “la proposta odierna vuole mantenere intatti i significativi benefici per la salute della normativa – risparmiando fino a 34.000 vite ogni anno”.