• Articolo Houston, 15 gennaio 2013
  • Il materiale “estratto” dall’acqua è ancora radioattivo e può essere reimpiegato

    Decontaminare l’acqua radioattiva con l’ossido di grafene

  • Secondo i ricercatori della Rice University e dalla Lomonosov Moscow State University, l’impiego di questo materiale facilita e ottimizza la decontaminazione delle acque radioattive

(Rinnovabili.it) – Da oggi decontaminare l’acqua da residui radioattivi sarà ancora più facile grazie all’impiego di un materiale che ha dimostrato di avere preziose proprietà: l’ossido di grafene. Secondo un gruppo di ricercatori provenienti dalla Rice University e dalla Lomonosov Moscow State University, infatti, si tratta di un materiale che, immesso nell’acqua, riesce a condensare in grumi i radionuclidi, rendendo più semplici ed efficaci le operazioni di rimozione e smaltimento.

 

Con prestazioni che, secondo i test, sembrerebbero superare quanto fatto fino a oggi dalle argille di bentonite e dal carbone attivo, l’ossido di grafene viene diluito nelle acque radioattive sotto forma di fiocchi di piccolissime dimensioni (un atomo di spessore); ognuno di essi in pochi minuti riesce ad assorbire e a far agglomerare tra loro, indipendentemente dal valore del pH dell’acqua, una grande quantità di tossine, che poi dovranno essere opportunamente smaltite.

 

Bruciando il materiale “estratto” dall’acqua, hanno spiegato i ricercatori, si ottiene una specie di torta di materiale radioattivo che è possibile riutilizzare. Oltre a un impiego strettamente emergenziale, come nel caso di Fukushima, l’ossido di grafene può essere impiegato anche per rimuovere il materiale naturalmente radioattivo incontrato nelle operazioni di perforazione idraulica o durante l’estrazione dei metalli delle terre rare.