• Articolo Roma, 21 aprile 2012
  • Giunta alla 42° edizione

    Diamo inizio all’Earth Day!

  • Un miliardo di buone azioni entro giugno. L’edizione 2012 della Giornata della Terra vuole arrivare a Rio+20 mobilitando l’intero pianeta

E’ tutto pronto per la Giornata Mondiale della Terra! Via quindi alle manifestazioni che in giro per il globo sono state organizzate per celebrare il nostro pianeta.

L’evento, nato da un’idea del senatore democratico Gaylord Nelson e concretizzato dalle Nazioni Unite nel 1970 per ricordare l’importanza della natura, dei suoi equilibri e di tutte le creature che vi abitano, cade ormai da oltre 40 anni ogni 22 aprile e pone al centro degli eventi l’importanza della conservazione delle risorse naturali come elemento fondamentale per la sopravvivenza delle specie e come fulcro dello sviluppo delle popolazioni.

Avvenimento annuale che molti sfruttano per organizzare e partecipare ad incontri che, sensibilizzando opinione pubblica, cittadini e istituzioni, possano destare l’attenzione della popolazione e spingerla ad intraprendere tante piccole azioni quotidiane che possono fare la differenza.

Per questa edizione 2012 l’obiettivo della Giornata della Terra è “Mobilitare il Pianeta”. Partner italiano dell’iniziativa mondiale il movimento Decrescita Felice sta raccogliendo ogni iniziativa che i privati o gli enti pubblici vogliano condividere sul portale. Per evidenziare l’impegno Decrescita quest’anno ha deciso di inviare una lettera al Ministro dell’Ambiente, Corrado Clini, per raccontare cosa si sta facendo per la manifestazione 2012 e in quali condizioni versi la nostra penisola. Sistemi industriali ancora troppo impattanti stanno infatti mettendo in pericolo l’Italia, che dovrebbe puntare su energie alternative, veicoli a basso consumo e stili di vita più rispettosi. Nella missiva inoltre la richiesta di un impegno ancora maggiore per la salvaguardia della nazione, che domenica 22 aprile, da nord a sud dimostrerà con eventi di diversi natura l’interesse per la Terra che ci ospita.

Dal comune di Olbia (Sardegna) che aderisce alla Giornata della Terra invitando la popolazione a contribuire alla pulizia di un tratto di spiaggia dai rifiuti per far capire che l’intervento di ogni singolo individuo è fondamentale per ottenere un risultato soddisfacente, che faccia veramente la differenza. Importante anche l’impegno del Comune di Cesena dove risparmio energetico, mobilità sostenibile ed efficienza faranno da filo conduttore alla giornata. Un impegno però che non si esaurusce nelle 24 ore ma che  va avanti dal 16 aprile,  una sorta di Settimana della Terra, quindi, durante la quale le Azioni del Buon Senso si stanno susseguendo per contribuire all’obiettivo che mira a raggiungere un miliardo di buone azioni prima del summit Onu che si svolegerà a Rio de Janiero a giugno.

Uno degli eventi di maggiore impatto sociale ma minimo ambientale, si svolgerà a Napoli, alla presenza del Ministro dell’Ambiente, che assisterà al concerto ad impatto zero che si terrà al Palapartenope dove i 26mila chilogrammi di anidride carbonica emessa verranno compensati con l’acquisto di crediti di carbonio. Presentato da Serena Dandini ed evento di spicco della Giornata, potrà essere seguito in streaming, in modo da ridurre ulteriormente le eventuali emissioni generate dagli spostamenti per raggiungere il palazzetto. La scelta di Napoli rappresenta “un importante riconoscimento per questi primi mesi di attività della giunta De Magistris che sta dando segnali forti nelle direzione della sostenibilità – spiega Tommaso Sodano, vice sindaco di Napoli e assessore all’Ambiente – dall’ordinanza sindacale che vieta i monouso nei bar e nei locali alle zone chiuse al traffico, le piste ciclabili, le scuole ‘solarizzate’ e la raccolta porta a porta che già oggi raggiunge 250.000 cittadini e che, entro fine anno, ne coinvolgerà complessivamente 470.000″.

Anche Roma, partecipando con diversi eventi, darà spazio ad un flashmob di meditazione che avrà luogo a Piazza Navona alle 18, trenta minuti di concentrazione e di pensieri rivolti alla natura e all’importanza di muoversi in armonia con gli equilibri che ci circondano. Interessante anche l’appuntamento “Tutti noi per il Tevere” promosso da associazione Noi x Roma, Marevivo, Corpo Forestale dello Stato, Ente Roma Natura che avrà inizio alle 10 presso la sede nazionale dell’Associazione Marevivo (Lungotevere Arnaldo da Brescia – Scalo de Pinedo) per ricordare il ruolo fondamentale dei corsi d’acqua partendo proprio dal fiume simbolo della Città Eterna, il Tevere. Aiutare a ripulire le sponde e gli argini del fiume per poi attendere, tutti insieme, l’arrivo delle ampolle contenenti le acque dei maggiori corsi d’acqua italiani nel corso della Cerimonia dell’Acqua.