• Articolo Roma, 20 ottobre 2015
  • Ancora 20 gli stati di emergenza aperti nel nostro Paese

    Dissesto idrogeologico, le prime 33 opere possono partire

  • La Corte dei Conti sblocca 654 milioni per 33 cantieri in 7 Regioni italiane colpite da dissesto idrogeologico. Restano 99 aree critiche

Dissesto idrogeologico le prime 33 opere possono partire 2

 

(Rinnovabili.it) – Via libera per 33 cantieri che dovrebbero tamponare il nostro povero Stivale straziato dal dissesto idrogeologico. Grazie al benestare della Corte dei Conti, uno stanziamento di 654 milioni andrà a finanziare le opere di messa in sicurezza del territorio nazionale. Il tesoretto è previsto dal piano città metropolitane per la riduzione dei rischi dovuti al dissesto e per la prevenzione delle alluvioni.

L’elenco delle opere è pubblicato sul sito di #italiasicura, la struttura di missione del governo: si va dai 260 milioni per l’adeguamento idrico-strutturale dell’ultimo tratto del torrente Bisagno, a Genova, ai 95 che serviranno a intervenire sul fiume Seveso, a Milano. Le 33 opere sono giunte alla fase definitiva o esecutiva del progetto e coprono 7 regioni (Veneto, Emilia Romagna, Sardegna, Liguria, Lombardia, Toscana e Abruzzo). Sono una prima fase del piano per le città metropolitane, che prevede complessivamente 132 interventi per la messa in sicurezza delle città.

 

Dissesto idrogeologico le prime 33 opere possono partireIl denaro per gli interventi fluirà nelle casse dei Commissari di governo, in questo caso i presidenti di Regione, dopo la firma degli accordi di programma tra Stato e Regioni entro la fine del mese. Per completare il piano, dunque, mancano 99 interventi, sui quali al momento non si hanno altre certezze che non l’impegno del governo a reperire le risorse utili per finanziare i lavori.

Il nostro Paese ha ancora oggi 20 stati di emergenza aperti, quasi tutti nel Nord e Centro. Dal maggio 2013 ne sono stati dichiarati 44. I danni accertati superano i 4 miliardi di euro, secondo i commissari delegati, ma le Regioni ne chiedono 8,2. Ai commissari sono stati trasferiti fino ad oggi solo 359 milioni di euro. In tutto, 555 milioni sono stati stanziati tramite delibere del consiglio dei ministri.

Secondo il Rapporto periodico sul rischio posto alla popolazione italiana da frane e inondazioni, curato dall’Istituto di ricerca per la protezione idrogeologica del Consiglio nazionale delle ricerche (Irpi-Cnr) di Perugia, sono 10 mila gli italiani che hanno perso la casa nel 2014 a causa del dissesto idrogeologico.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *