• Articolo Roma, 14 febbraio 2012
  • Presentato il progetto "Diventa Green Ambassador"

    “Diventa Green Ambassador” e salva l’ambiente con un click

  • dall’Impegno di Circuitiverdi.it e ReMedia l’iniziativa che avvicina gli utenti web al rispetto ambientale e al riciclo dei RAEE

(Rinnovabili.it) – ReMedia, il consorzio nazionale per la gestione dei RAEE, delle pile e degli accumulatori oltre che di moduli fotovoltaici esausti collaborando con Circuitiverdi.it ha lanciato una nuova iniziativa che avvicina gli utenti web all’ambiente.

Aderendo alla pagina appositamente predisposta su Facebook gli internauti, che siano persone singole o aziende, possono impegnarsi a non abbandonare i rifiuti tecnologici nell’ambiente.

L’iniziativa Diventa Green Ambassador nasce infatti per diffondere la cultura del rispetto ambientale, dell’efficienza energetica e dell’eco-sostenibilità sottolineando l’importanza del riciclo. Sottoscrivendo l’impegno gli utenti dovranno rispettare alcune semplici ma importanti regole  tra cui:

  • Raccogliere e riciclare correttamente i rifiuti tecnologici;
  • Segnalare anomalie nella gestione di questi rifiuti;
  • Preferire, ove possibile, l’acquisto o l’utilizzo di prodotti green, ovvero attenti all’ambiente (energeticamente efficienti, realizzati o imballati con materiali riciclati e non nocivi, dotati di certificazioni o label green …);
  • Diffondere, tra le persone con le quali sono in relazione, una cultura “green” all’insegna del rispetto ambientale, dell’eco-sostenibilità e del corretto riciclo

Far conoscere anche attraverso i social network i danni che i RAEE possono causare all’ambiente se abbandonati in aree non preposte, come aree ecologiche e centri di raccolta, potrebbe sensibilizzare i consumatori e aiutarli a gestire i rifiuti in maniera idonea.

“In molti oggi pensano ancora di poter buttare nell’immondizia indifferenziata una vecchia radio o un notebook che non funziona, o peggio ancora le pile”, afferma Danilo Bonato, Direttore Generale ReMedia. “Semplicemente non sanno che, da un lato, quegli oggetti contengono sostanze notevolmente dannose anche per la salute dell’uomo se disperse nell’ambiente, dall’altro sono preziose perché contengono molte materie prime che possono essere recuperate per nuove produzioni. Con questa iniziativa chiediamo agli italiani di fare un primo passo, un atto di responsabilità e di farsi portavoce di un tema che non può essere dimenticato, a maggior ragione in un periodo di crisi. Siano loro i protagonisti della sostenibilità.”

In cambio dell’impegno gli utenti riceveranno una coccarda virtuale da applicare al proprio profilo di Facebook, blog o sito internet e un buono per scarica una canzone dal circuito IBS.