• Articolo Roma, 14 febbraio 2019
  • Emissioni, Ispra: “Confermato disaccoppiamento con PIL”

  • La stima trimestrale condotta dall’Ispra sulla dissociazione tra attività economica e pressione sull’ambiente naturale ha rilevato un decremento delle emissioni di gas serra pari allo 0,4% a fronte di una crescita del PIL dello 0,8%

emissioni-ispra-analisi-trimestrale

 

Il bollettino Ispra informa sull’andamento delle emissioni di gas serra e mostra le interrelazioni tra economia e ambiente

 

(Rinnovabili.it) – Nel quarto trimestre del 2018 si conferma il disaccoppiamento tra l’andamento delle emissioni di gas serra e la tendenza del PIL. A renderlo noto è l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) che, nella verifica trimestrale sulla dissociazione tra attività economica e pressione sull’ambiente naturale, ha rilevato un decremento delle emissioni, rispetto all’anno precedente, pari allo 0,4% a fronte di una crescita del Prodotto Interno Lordo pari a 0,8%.

 

>>Leggi anche Emissioni di CO2 da autotrazione: benzina in calo, cresce il contributo del gasolio<<

 

Stando a quanto riferito dall’Ispra, la riduzione delle emissioni di gas serra è dovuta principalmente a un decremento dei consumi di gas registrato nel settore termoelettrico, e pari a -7,2%, e di quelli di carbone che c’è stato, invece, nel settore siderurgico, e pari a -8,6%. Nella stima sul quarto trimestre del 2018 risulta stabile il consumo di gas naturale nell’industria, mentre sono cresciuti i consumi di gasolio nei trasporti. Nel complesso il settore industriale è rimasto stabile, mentre la gestione di rifiuti ha registrato una riduzione delle emissioni di gas serra pari a -3,8% e dovuta allo sviluppo di sistemi di selezione e trattamento, anche se si tratta di un settore meno importante rispetto agli altri. Relativamente alle emissioni di gas serra in agricoltura, invece, il trend è rimasto costante perché, si legge in una nota, “è in fase di perfezionamento la metodologia di stima del tendenziale”. I dati rilevati confermano, tuttavia, il disaccoppiamento tra l’andamento delle emissioni di gas serra e la tendenza dell’indice economico.

 

>>Leggi anche Rifiuti organici: in Italia raccolti 6,6 milioni di tonnellate<<

 

La stima viene condotta dall’Ispra con periodicità trimestrale e, oltre a fornire un’informazione regolare sull’andamento delle emissioni, consente di mostrare le interrelazioni tra economia e ambiente. Il disaccoppiamento (decoupling) si verifica quando il tasso di crescita della pressione ambientale (dovuto, ad esempio, alle emissioni di gas serra), in un determinato periodo, è inferiore al tasso di crescita dell’attività economica (in questo caso il PIL). Situazione che si è verificato proprio in riferimento agli ultimi tre mesi dell’anno scorso.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *