• Articolo Rimini, 9 novembre 2016
  • Da Enea il misura smog portatile per bici e zaini

  • Debutta a Ecomondo Monica, il primo sistema multisensoriale portatile per misurare gli inquinanti atmosferici. È possibile sostenerlo con il crowdfunding

Da Enea il misura-smog portatile per bici e zaini

 

(Rinnovabili.it) – Si chiama MONICA ed è in grado di dirti in tempo reale quanto è inquinata l’aria che stai respirando. Parliamo del primo misura smog portatile creato dall’ENEA per i cittadini: una scatoletta colorata che può essere facilmente montata su bici, scooter o anche semplicemente su zaini e passeggini, e che racchiude al suo interno un core hi-tech. La scocca racchiude infatti un sistema multisensoriale intelligente che misura gli inquinanti atmosferici – monossido di carbonio (CO), biossido di azoto (NO2), ozono – tracciando l’esposizione personale.

Il sofisticato naso elettronico è in grado di inviare direttamente sullo smartphone dell’utente sia l’indice numerico di esposizione sia il punto in cui è stato rilevato sulla mappa lungo il percorso.

 

Il debutto ufficiale lo ha fatto sotto i riflettori di Ecomondo 2016, ma in realtà il sistema frutto del marchio depositato dall’Enea addirittura nel 2011 e rappresenta il punto di arrivo di un’esperienza maturata a Portici su diverse tipologie di “nasi elettronici”, con capacità sempre maggiori di operare in diversi settori, a partire dal primo sistema sviluppato per il monitoraggio dei gas vulcanici fino alle applicazioni alle prime centraline wireless per il monitoraggio della qualità dell’aria fino alle applicazioni all’industria aeronautica.

 

MONICA permette al cittadino di divenire parte attiva e consapevole nel processo di monitoraggio, raccogliendo al contempo dati atmosferici che possono essere utilizzati nella definizione di mappe qualitative dell’aria nei contesti urbani complessi, e proponendosi come strumento complementare ai convenzionali sistemi di monitoraggio. Per realizzare una flotta di sensori-pilota da testare nelle città,  l’ENEA ha deciso di lanciare per la prima volta una campagna di finanziamento collettivo  attraverso la piattaforma di crowdfunding ‘Eppela’ (eppela.com), dove a breve sarà possibile sostenere il progetto.

“L’obiettivo – spiega il presidente ENEA Federico Testa – non è solo di trovare finanziamenti in tempi notoriamente complessi per la ricerca, ma di sperimentare un approccio consapevole e partecipativo ai problemi dell’ambiente e della salute, in questo caso dell’inquinamento atmosferico nelle città, evidenziando il possibile contributo dell’innovazione tecnologica che come ENEA ci vede in prima linea”.

 

Ad oggi il prototipo di laboratorio del misura-smog costa circa 500 euro, ma se i test sul campo avranno esito positivo il costo del prodotto potrebbe abbassarsi a 100/300 euro.

2 Commenti

  1. maria paltrinieri
    Posted dicembre 20, 2017 at 12:27 pm

    buongiorno, faccio parte di una associazione senza scopo di lucro,denominata osservatorio civico “ORA TOCCA A NOI” e nel nostro piccolo paese (Finale Emilia 15000 ab.) c’è in essere un tasso di inquinamento altissimo a causa di diversi impianti industriali impattanti sul nostro territorio, ci sono problemi di salute e informazione, e come osservatorio vorremo poter rilevare gli agenti inquinanti e renderli pubblici onde sensibilizzare l’amministrazione comunale a prendere provvedimenti. Come posso contattarvi per ulteriori informazioni ed eventualmente acquisto del naso elettronico?
    distinti saluti

    • stefania
      Posted dicembre 21, 2017 at 1:18 pm

      Gentile Maria, le consigliamo di rivolgersi direttamente all’Enea http://www.enea.it/it per ogni informazione o domanda.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *