• Articolo Washington, 19 ottobre 2011
  • Un fonfo per la ricerca sulla fuliggine e gli impatti sul climate change

    EPA: 6,6 mld alle ricerche sul nerofumo

  • Rientra nel Programma STAR il fondo che l’Environment Protection Agency ha assegnato ad un gruppo di università statunitensi

(Rinnovabili.it) – “La ricerca sul nerofumo fornirà preziose informazioni circa il suo impatto sul cambiamento climatico” così  William Sanders, direttore del Centro Nazionale EPA per la ricerca ambientale ha commentato l’annuncio dell’Agenzia, impegnata nella costituzione di un fondo da 6,6 milioni di dollari a favore della ricerca universitaria sul tema. “Una maggiore comprensione dell’impatto del black carbon sui cambiamenti climatici servirà a proteggere al meglio le persone e l’ambiente” ha concluso Sanders.

Il programma STAR dell’EPA (Science to Achieve Results) ha già ottenuto ben nove sovvenzioni a sostegno della ricerca per lo studio del ruolo e degli effetti del nerofumo. Nello specifico la ricerca in questione si occuperà di analizzare gli impatti della sostanza sulla qualità dell’aria e dell’acqua studiando il comportamento degli aerosol nell’atmosfera e sviluppando strumenti innovativi, tra cui nuovi modelli computerizzati, in grado di valutare la fuliggine depositata sui manti nevosi. La fuliggine che si deposita sugli stati di neve e di ghiaccio, infatti, ne annerisce la superficie limitando la capacità di rifrazione dei raggi solari.

Il premio verrà presto consegnato all’Università dell’Illinois alla Carnegie Mellon University, alla University of California, Irvine, University of California, Riverside, University of Iowa, University of Washington, University of Wisconsin-Madison e alla Rutgers University.