• Articolo Sidney, 20 gennaio 2020
  • Incendi in Australia: fino a 100 specie in via di estinzione?

  • In natura, la fauna selvatica australiana si è evoluta parallelamente a grandi incendi periodici, che rinvigorivano gli ecosistemi. Questa volta, però, la vasta estensione della terra bruciata, accompagnata da siccità e temperature torride, sta mettendo in pericolo molti animali rari.

Con una stima di oltre 1 miliardo di animali selvatici morti, in Australia si fanno i conti con l’estinzione di specie rare.

 

(Rinnovabili.it) – I devastanti incendi in Australia hanno finora distrutto circa 104.000 km2 di aree boschive, foreste pluviali e parchi nazionali, uccidendo più di 1 miliardo di animali selvatici. In quelle zone in cui le fiamme si sono placate, i biologi della Curtin University of Perth stanno iniziando a cercare i sopravvissuti, nella speranza che sia ancora possibile trovare alcuni esemplari di specie rare e in via di estinzione. Si tratta di un compito difficile e soprattutto molto triste, in una regione del pianeta che vanta un’enorme varietà di fauna selvatica, comprese specie inesistenti in qualunque altra parte del mondo, come koala, canguri e wallaby.

 

“Non c’è mai stato finora in Australia un evento simile che abbia distrutto così tanto habitat e spinto così tante creature sull’orlo dell’estinzione”, ha dichiarato Kingsley Dixon, ecologo presso la Curtin University of Perth. Non molto tempo dopo che gli incendi hanno attraversato il Parco nazionale dei fiumi selvaggi di Oxley, nel Nuovo Galles del Sud, i ricercatori hanno iniziato a cercare i wallaby di roccia dalla coda a spazzola. Prima della stagione degli incendi, gli scienziati hanno stimato che ne restavano solo 15.000 esemplari in natura. Ora, il loro habitat è stato quasi interamente distrutto e la specie è in serio pericolo di estinzione.

 

Nei processi naturali, le foreste e la fauna selvatica australiane si sono evolute parallelamente a grandi incendi periodici, che rinvigorivano gli ecosistemi. Ciò che differisce quest’anno, però, è la vasta estensione della terra bruciata, accompagnata da siccità e temperature torride attribuite al cambiamento climatico.  Ovviamente, non tutti gli animali sono morti nelle fiamme, trovando piuttosto rifugio nelle fessure rocciose o nascondendosi nelle profondità di tane sotterranee. Tuttavia, i sopravvissuti trovano una terra desolata e bruciata dal fuoco, e dovranno affrontare la fame, la sete e i predatori non nativi, tra cui volpi e gatti selvatici.

 

>>Leggi anche Australia: il premier Scott Morrison continua a negare il climate change<<

 

Nel Nuovo Galles del Sud, molti volontari stanno lasciando cadere interi sacchi di verdure dagli aeroplani sperando che i wallaby e altre specie trovino un pasto. Nello stato di Victoria, le autorità stimano che i wallaby di roccia dalla coda a spazzola abbiano perso il 40% del loro habitat, così come un altro raro marsupiale, il potoroo dai piedi lunghi, secondo una valutazione preliminare del danno. Il bilancio completo della fauna selvatica australiana comprende almeno 20 e forse fino a 100 specie minacciate dall’estinzione.

 

“La preoccupazione è che, con così tante perdite, non ci saranno abbastanza animali e piante rare per ripopolare la regione”, ha dichiarato Jim Radford, ecologo dell’Università La Trobe di Melbourne. Christopher Dickman, dell’Università di Sydney, ha stimato che oltre 1 miliardo di animali sono stati uccisi finora. I suoi calcoli hanno tenuto in considerazione le cifre sulla densità degli animali a seconda dei diversi tipi di vegetazione, per poi moltiplicarle per la superficie bruciata. Tuttavia, questo numero incredibile non tiene conto di pipistrelli, anfibi, insetti o altri invertebrati.

 

Il bilancio della fauna selvatica comprende decine di milioni di opossum e piccoli marsupiali noti come alianti, che vivono sulle cime degli alberi e possono saltare straordinarie distanze usando una membrana di pelle tra le caviglie e i polsi, simile a un paracadute. I funzionari statali di Victoria hanno previsto una riduzione di oltre il 25% di alianti. La scorsa settimana, il governo australiano ha annunciato che avrebbe speso 50 milioni di dollari per il salvataggio della fauna selvatica e il recupero dell’habitat.

 

Ma gli incendi stanno ancora bruciando nelle Blue Mountains, patrimonio dell’UNESCO a ovest di Sydney, una delle ultime roccaforti dell’honeyeater, un elegante uccello nero e giallo che ha già perso il 95% del suo habitat riproduttivo da quando i coloni europei sono arrivati ​​in Australia. Ci sono solo 300-400 esemplari rimasti allo stato brado, la cui vita dipende dal nettare di eucalipto, ma il clima secco ha fatto sì che molti alberi non ne producano.

 

>>Leggi anche Tasmania: caldo da record a causa degli incendi in Australia<<

 

Sebbene i koala non siano classificati come vulnerabili all’estinzione, la loro popolazione potrebbe essere scomparsa in alcune aree devastate dal fuoco. “Sappiamo che c’è stata una forte riduzione del loro habitat complessivo, e non siamo nemmeno alla fine della stagione degli incendi, ha affermato Mathew Crowther, ecologo presso l’Università di Sydney. “I Koala non si estingueranno nei prossimi anni, ma se il loro habitat viene distrutto a poco a poco, potrebbero morirne a migliaia. Dobbiamo guardare alle tendenze a lungo termine: quali saranno le temperature e gli incendi in futuro?.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *