• Articolo Amsterdam, 11 giugno 2019
  • Consumo: i grandi marchi hanno cancellato 50mln d’ettari di foreste

  • Secondo l’analisi di Greenpeace International, nell’ultimo decennio il Pianeta ha perso un’area boschiva grande quanto la Spagna per prodotti come la soia e l’olio di palma

foreste

Credit: Marizilda Cruppe/Greenpeace

Allevamento e agricoltura continuano ad avere la meglio sulla tutela delle foreste mondiali

(Rinnovabili.it) – In appena 10 anni i grandi marchi del consumo internazionale hanno cancellato 50 milioni di ettari di foreste. La cifra è enorme ma a impressionare dovrebbe esser un altro dato: i numeri sul disboscamento sono così elevati malgrado l’impegno assunto dalle stesse aziende, quasi vent’anni fa, per ridurre a zero la perdita di superficie forestale entro il 2020. A svelare le promesse infrante è il rapporto Countdown to Extinction (letteralmente Conto alla rovescia verso l’estinzione) pubblicato stamane da Greenpeace Internationale in occasione del Consumer Goods Forum (CGF) di Vancouver, che racchiude i più grandi marchi di consumo del mondo, tra cui Nestlé, Mondelez e Unilever.

 

Il documento spiega come gli stessi membri del Forum, nel 2010 si siano impegnati a garantire l’approvvigionamento sostenibile nelle principali filiere legate alle attività di deforestazione, come ad esempio soia, olio di palma, carta e polpa di cellulosa, e bestiame. Peccato che negli anni successivi all’accordo le promesse siano rivelate quasi un bluff e la produzione e il consumo di prodotti agricoli legati alla perdita di foreste siano aumentati drammaticamente.

 

>>Leggi anche Importazioni alimentari europee responsabili della deforestazione in Paesi tropicali<<

 

Il documento parla chiaramente di 50 milioni di ettari disboscasti a livello mondiale, vale a dire un’area grande quanto la Spagna, e si tratta di una stima prudente. Dal 2010 l’area coltivata a soia in Brasile è aumentata del 45% e la produzione di olio di palma in Indonesia è cresciuta del 75% e quella di cacao della Costa d’Avorio dell’80%. Non solo. “Nel bacino del Congo, – ha sottolineato Victorine CheThoener, responsabile della campagna sulle foreste per Greenpeace Africa – stiamo assistendo a diffuse violazioni dei diritti umani e ambientali in nome dello sviluppo e del commercio globale delle materie prime. È tutta una cleptocrazia in cui i governi e le società colludono per saccheggiare le nostre risorse naturali e la gente comune ne paga il prezzo”.

 

foreste

Credit: Ulet Ifansasti/ Greenpeace

 

Le stime per il futuro non sono certo migliori. Entro il 2050 si prevede un aumento del consumo globale di carne (e quindi degli allevamenti) del 76%, una produzione di soia di quasi il più 45% e un aumento nell’olio di palma di un altro 60%.

“Queste aziende – spiega Anna Jones, Global Project Lead for Forests di Greenpeace UK – stanno distruggendo il futuro dei nostri bambini guidandoci verso il collasso ecologico e climatico. Hanno sprecato un decennio in mezze misure e oggi vaste aree del mondo naturale sono state distrutte […] il nostro messaggio alle aziende è semplice: evolvete il vostro business per prevenire il degrado climatico ed ecologico”. 

 

>>Leggi anche L’Indonesia certifica come “sostenibile” il 33% delle coltivazioni di olio di palma<<

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *