• Articolo Daegu, 13 aprile 2015
  • Fino a venerdì 17 la piattaforma mondiale si riunisce in Corea

    Le grandi sfide del 7° Forum Mondiale dell’Acqua

  • Le più grandi sfide del prossimo futuro ruoteranno tutte intorno al tema dell’acqua. Esperti, politici e ONG di tutto il mondo cercano soluzioni

Inizia il 7° Forum Mondiale dell’Acqua-

 

(Rinnovabili.it) – Lo slogan è “Water for our future”, acqua per il nostro futuro, e sottende il 7° World Water Forum, iniziato ieri in Corea del Sud. A Daegu, quarta città per dimensioni del Paese, l’evento – che durerà fino al 17 aprile – ha tenuto la sua cerimonia di apertura, partecipata da oltre 1.800 alti funzionari nazionali e internazionali, in una cornice di pubblico accompagnerà il forum intorno alle 30 mila persone, provenienti da 170 Paesi. Oltre a leader governativi e funzionari pubblici di alto rango, sono accorsi vertici delle organizzazioni internazionali, studiosi, uomini d’affari, attivisti di organizzazioni non governative e semplici cittadini.

 

Il Forum Mondiale dell’Acqua si tiene ogni tre anni dal 1997, ed è organizzato dal Consiglio Mondiale per l’Acqua (World Water Council). È il più grande evento internazionale per discutere le questioni sociali e ambientali legate a questo bene comune. Funziona da piattaforma multistakeholder, in cui comunità e decisori politici provenienti da tutte le regioni del mondo cercano di lavorare insieme per trovare soluzioni comuni.

 

Parlando durante la cerimonia di apertura, il presidente sudcoreano Park Geun-hye ha detto che il Forum promuoverà la pace, fornendo soluzioni alle crisi che derivano dai conflitti legati all’acqua: «La Corea del Sud, come parte di un Paese diviso unico al mondo, cercherà di costruire un canale di comunicazione in questo Forum dell’Acqua, avviando una co-gestione dei fiumi che attraversano scorrono da nord a sud. Crediamo che i nostri sforzi sia per abbassare la tensione, che di prenderci cura dei due terzi di popolazione mondiale che vivono in condizioni di stress idrico, contribuirà alla pace nel mondo. È urgente per noi andare verso una nuova era di pace e di cooperazione per il nostro futuro attraverso la composizione dei conflitti collegati al tema dell’acqua. Sia i Paesi avanzati che quelli emergenti dovrebbero sforzarsi per trasformare in opportunità di crescita le sfide legate all’acqua».

 

Inizia il 7° Forum Mondiale dell’Acqua1

 

Gli obiettivi del Forum

Le sessioni di discussione saranno più di 400, e avranno luogo in due città, Daegu e Gyeonbuk. Fra queste, sono 135 i processi tematici al centro del Forum mondiale dell’Acqua, e riguarderanno 16 temi, tra cui il cambiamento climatico, le catastrofi naturali e l’energia. Attraverso una sessione speciale cui parteciperanno gli alti funzionari, saranno discusse varie questioni, tra cui le misure per provvedere le risorse e fissare nuovi obiettivi di sviluppo sostenibile. Sono scaduti infatti i target stabiliti dalle Nazioni Unite nel 2000, che andavano sotto il nome di UN Millennium Development Goals: tocca al 7° World Water Forum raccogliere il testimone e costruire una proposta globale per affrontare una crisi idrica che nei prossimi anni metterà a durissima prova la sostenibilità ambientale e sociale sul nostro pianeta.

 

Inizia il 7° Forum Mondiale dell’Acqua_

 

L’emergenza acqua nello scenario mondiale e italiano

Per quanto riguarda la situazione globale, ancora oggi 1,3 miliardi di persone non hanno accesso all’acqua potabile e 2,5 miliardi non fruiscono di servizi igienico-sanitari.

La popolazione aumenterà oltre i 9 miliardi entro il 2050 e presto la domanda supererà l’offerta, come nota l’ultimo rapporto delle Nazioni Unite. La terra si troverà a fronteggiare un deficit del 40% nelle forniture di acqua entro 15 anni a causa di  diversi fattori: urbanizzazione, crescita della popolazione e aumento della domanda per la produzione alimentare, l’energia e l’industria.

 

La cattiva gestione della risorsa più preziosa per la vita, ha portato all’inquinamento e al sovrasfruttamento dell’oro blu. Un bene che, d’altra parte, è in progressivo esaurimento a causa delle siccità che il cambiamento climatico ha potenziato in alcune aree del mondo. Basti pensare alla situazione del Brasile e della California, in totale emergenza da questo punto di vista. Per non parlare dell’India, i cui fiumi inquinati sono più che raddoppiati negli ultimi 5 anni, o della Cina, dove il 75% di laghi e fiumi e il 50% delle falde acquifere sono contaminati.

 

Non possiamo nemmeno dimenticarci dell’Italia, perché se crediamo di vivere in un’isola felice e progredita sbagliamo di grosso. La qualità dell’acqua, nel nostro Paese, non rispetta la direttiva europea. Solo il 10% dei corpi idrici superficiali riesce a soddisfare tutti i requisiti. Inoltre, la risorsa che un referendum di 4 anni fa ha definito pubblica, sta subendo un nuovo tentativo di privatizzazione ad opera del governo: dallo Sblocca Italia alla riforma della pubblica amministrazione, gli ultimi provvedimenti dell’esecutivo Renzi sono mine normative per far saltare il referendum del 2011.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *