• Articolo Washington, 10 ottobre 2014
  • Senza controlli stringenti sui dati, le imprese possono diffondere i numeri che vogliono

    Fracking: le stime sulle risorse potenziali sono false

  • La rivista Bloomberg rivela l’abitudine delle compagnie petrolifere a gonfiare le stime sulle risorse potenziali per vendere il fracking agli investitori

Fracking le stime sulle risorse potenziali sono false-(Rinnovabili.it) – Lee Tillman, amministratore delegato della Marathon Oil Corp., ha detto agli investitori lo scorso mese che la compagnia avrebbe estratto con il fracking l’equivalente di 4.3 miliardi di barili di petrolio. Peccato che quei numeri fossero 5.5 volte più alti di quelli che la stessa compagnia ha riportato al governo federale. Queste discrepanze sono la norma nell’industria dello shale gas. Le aziende gonfiano volutamente le previsioni per vendere il boom della fratturazione idraulica agli investitori e per convincere i legislatori a far saltare il divieto di esportazione del petrolio in vigore ormai da 39 anni. I numeri raccolti da Bloomberg dicono che 62 delle 73 compagnie di trivellazione americane hanno mentito al pubblico sulla reale consistenza delle risorse: lo dimostrano le cifre molto più basse fornite per la schedatura obbligatoria della SEC (Security Exchange Commission). La Pioneer Natural Resources ha ingigantito di 13 volte le proprie stime, la Goodrich Petroleum 19, la For Rice Energy addirittura 27. La media si aggira sulle 6.6 volte.

«Così facendo vanno incontro al rischio di contenziosi legali – nota John Lee, professore di ingegneria del petrolio all’Università di Huston, che ha contribuito a scrivere le regole della SEC – Se fossi un avvocato mi interesserebbe approfondire».

 

Fracking le stime sulle risorse potenziali sono false-2

 

«Gli investitori esperti conoscono la differenza tra i due numeri presentati – minimizza Scott Sheffield, presidente e amministratore delegato di Irving – e gli azionisti capiscono. Siamo di proprietà pubblica per il 95%, e la gente si fida delle istituzioni, tant’è che molti mettono denaro nei fondi comuni di investimento».

In effetti, nei primi 7 mesi dell’anno gli investitori hanno versato 16 miliardi di dollari in questi fondi e negli ETF (particolare tipologia di fondo d’investimento negoziabile in borsa come una comune azione) focalizzati sulle compagnie energetiche, incluse quelle che praticano il fracking. Si tratta di cifre più che doppie rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

 

Le compagnie si sentono dunque autorizzate a falsare le stime durante le loro presentazioni pubbliche, sottolineando che “tanto gli investitori lo sanno e si fidano”. Per fortuna la SEC richiede poi di dar conto di quanto petrolio e gas verranno prodotti dando la misura delle riserve reali, grazie a una metodologia piuttosto stringente che arriva a fare previsioni attendibili fino a 5 anni. I numeri delle riserve provate, però, sono meno conosciuti di quelli relativi alle risorse potenziali, diffusi al pubblico dalle imprese. In queste presentazioni, le compagnie includono pozzi che potrebbero rivelarsi in perdita, giacimenti che potrebbero non essere mai esplorati, progetti per cui le possibilità di successo non superano il 10%. I numeri possono perfino cambiare da una presentazione all’altra. Soprattutto, le valutazioni sulle riserve provate, arrivano sempre un po’ dopo: così può accadere che la Rice Energy stimi le risorse potenziali in una uscita pubblica, a gennaio, sui 2,7 miliardi di barili. Poi, alla resa dei conti di marzo con la SEC, la cifra scende a 100 milioni. Il problema è che il sistema della Security Exchange Commission non si occupa di tirare le orecchie alle compagnie quando alzano artificialmente le stime.

«Quando un gran numero di persone resterà scottato, e io penso che un gran numero di persone resterà scottato – commenta il professor John Lee – forse allora gli investitori faranno le dovute pressioni per far sì che la SEC decida di curarsi del problema».

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *