• Articolo Madrid, 29 giugno 2015
  • Un frigo della solidarietà per combattere lo spreco alimentare

  • Bar e ristoranti vi lasciano il cibo avanzato e chi ne ha bisogno non deve fare altro che aprire lo sportello del Frigo della solidarietà e prelevare il contenuto gratuitamente

31

 

(Rinnovabili.it) – Originale, socialmente utile e ambientalmente sostenibile. Si potrebbe riassumere con queste parole il Frigorífico solidario (Frigo della solidarietà), progetto di lotta allo spreco alimentare avviato nei Paesi Baschi L’idea è venuta in mente all’Associazione dei Volontari di Galdakao, cittadina nella provincia di Biscaglia, ed in realtà ha un doppio obiettivo: avviare una gestione sostenibile del cibo avanzato (altrimenti destinato alla spazzatura) e aiutare le persone più povere della comunità.

Il progetto è semplice: bar e ristoranti, anche dei paesi vicini, possono lasciarvi il cibo avanzato e chi ne ha bisogno non deve fare altro che aprire lo sportello del Frigo della solidarietà e prelevare il contenuto gratuitamente. Ovviamente tutto i generi alimentari recuperati presentano in bella vista la data di scadenza e quella di deposito.  Inoltre i donatori devono seguire scrupolose regole: niente pesce, carne o uova crude, e nessun prodotto in scatola o confezionato una volta passata la scadenza.

 

Istallato il 30 aprile, in pochi giorni il frigorifero si è rivelato un successo: in cinque settimane ha ricevuto qualsiasi tipo di genere alimentare, dai piatti di lenticchie o di insalata, al gelato, frullati, omelette e spiedini. E non solo il frigo viene praticamente riempito e svuotato lo stesso giorno, ma la risposta delle comunità è stata oltre le aspettative: “Sono davvero molto felice“, commenta Alvaro Saiz, promotore dell’iniziativa.”Finora, non abbiamo buttato niente, ci sono centinaia di alimenti che le persone lasciano e prendono, nella massima civiltà e senza alcun atto di vandalismo”. L’Associazione Volontari di Galdakao non conta il numero di alimenti o bevande che vengono lasciati, né mette limiti alle persone che lo utilizzano:  la maggior parte sono persone indigenti, ma chiunque può servirsi del frigo della solidarietà, spiegano “perché il primo obiettivo è quello di combattere lo spreco alimentare”. L’idea è così piaciuta che la scorsa settimana la città di Murcia, a circa 400 miglia di distanza nel sud della Spagna, ha replicato il progetto divenendo la seconda città spagnola ad ospitare un frigo della solidarietà.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *