• Articolo Amburgo, 1 luglio 2017
  • La bozza del piano vista da Climate Home

    La cura del G20 per il cambiamento climatico è il carbone

  • Il piano di azione sul cambiamento climatico il prossimo G20 di Amburgo approverà è stato stravolto dalla Germania per compiacere gli USA di Trump

cambiamento climatico

 

(Rinnovabili.it) – Per compiacere Donald Trump, la bozza del piano di azione climatica del prossimo G20 di Amburgo è stata letteralmente fatta a pezzi. La presidenza del vertice, detenuta dalla Germania per questa prossima edizione del 7-8 luglio, avrebbe cancellato tutti gli impegni più ambiziosi sul riscaldamento globale e riaperto le porte al gas e al carbone.

Lo afferma Climate Home, testata dedicata agli sviluppi della politica climatica internazionale, che ha potuto vedere sia il testo elaborato a marzo, sia quello di maggio, che risulterebbe profondamente compromesso nella sua efficacia per ottenere i favori della Casa Bianca. Gli elementi fatti saltare dalla prima bozza includono:

  • una scadenza al 2025 per i sussidi ai combustibili fossili;
  • i riferimenti al rischio di asset non recuperabili;
  • un invito ad allineare la spesa pubblica e la pianificazione delle infrastrutture con gli obiettivi dell’accordo di Parigi;
  • una esortazione a mettere un prezzo sul carbonio;
  • un impegno a pubblicare entro il 2018 piani per la decarbonizzazione al 2050;
  • un impegno a scrivere piani climatici per le banche multilaterali;
  • 7 riferimenti alla revisione dei contributi nazionali da parte dell’ONU nel 2018;
  • 11 riferimenti alla strada verso le emissioni nette zero al 2050;
  • 16 menzioni della decarbonizzazione delle infrastrutture.

 

>>Leggi anche: Sei mosse per salvare il mondo dal cambiamento climatico <<

 

Ora il piano del G20 parlerebbe di nucleare e “combustibili fossili puliti”, vale a dire il gas e il carbone con cattura e stoccaggio della CO2, mentre non è più così chiaro che la transizione energetica debba passare per una implementazione di rinnovabili ed efficienza.

Un testo che fa a pugni con la dichiarazione di Angela Merkel: ieri la cancelliera tedesca ha affermato come la decisione di Trump di ritirarsi dal l’accordo di Parigi la rendesse “più determinata che mai” a trasformare il G20 in un successo. Se alla fine del vertice passerà il documento chiuso a maggio, sarà una vittoria diplomatica non da poco per il presidente statunitense, mentre l’Unione Europea ne uscirà con le ossa rotte.

Un Commento

  1. Jonny
    Posted luglio 1, 2017 at 2:35 pm

    In ogni caso ci saranno Cina , India e forse Russia a dettar legge in questo campo (rinnovabili).
    Il risultato sarà che rimarremo tecnologicamente indietro e con un costo dell’energia superiore a questi paesi.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *