• Articolo Karlsruhe, 7 dicembre 2016
  • Germania, via libera definitivo per lo stop al nucleare

  • La Corte costituzionale di Karlsruhe ha stabilito che l’abbandono del nucleare deciso da Berlino nel 2011 non si configura come un esproprio ai danni delle utilities

Germania, via libera definitivo per lo stop al nucleare

 

(Rinnovabili.it) – Via libera definitivo alla chiusura delle centrali nucleari tedesche. Dopo il disastro di Fukushima, Berlino aveva deciso di imporre lo stop a tutti gli impianti e dire addio all’energia nucleare. Le compagnie che li gestiscono però avevano prontamente fatto ricorso chiedendo ben 19 miliardi di euro di danni, perché la scelta del governo sarebbe stata nient’altro che un esproprio. Ieri la Corte costituzionale di Karlsruhe è finalmente arrivata a sentenza, togliendo di mezzo l’ultimo impedimento legale.

La Corte ha stabilito che affrettare la chiusura degli impianti ha effettivamente violato alcuni diritti di proprietà delle tre utilities coinvolte, ovvero E.ON, RWE e Vattenfall. Il governo dovrà quindi procedere con dei risarcimenti: ma la cifra è minima, ben lontana da quanto richiesto in origine. E soprattutto, il tribunale spazza via l’ipotesi di esproprio su larga scala. Era il punto più controverso: se avessero vinto le compagnie lo stop al nucleare tedesco sarebbe stato in forse.

 

Germania, via libera definitivo per lo stop al nucleareFesteggia la ministra dell’Ambiente Barbara Hendricks: “La Corte costituzionale ha stabilito che l’uscita dal nucleare è essenzialmente in accordo con la nostra Costituzione. I miliardi richiesti dalle compagnie oggi non sono più sul tavolo”. Berlino non dovrà neppure corrispondere denaro in compensazione per gli investimenti persi dalle utilities, realizzati tra dicembre 2010 e marzo 2011 subito dopo che il governo aveva accordato un’estensione alla durata di esercizio degli impianti. La Corte stabilisce semplicemente che il governo dovrà regolare questa materia con una legge da approvare entro il 30 giugno 2018.

Ad ottobre la Germania aveva finalmente raggiunto un accordo con i colossi tedeschi dell’atomo per proseguire senza scossoni nel processo di decommissioning. Le aziende sono chiamate a farsi carico dei costi di smantellamento degli 8 impianti attivi sul territorio nazionale, da ultimare entro il 2022. I soldi per portare a termine l’opera sono 23,6 mld di euro, che le aziende dovranno versare secondo due modalità: in un’unica soluzione il 1 gennaio 2017 oppure in più tranche spalmate nei prossimi 10 anni. Ovviamente speravano di poter contare almeno in parte sulle compensazioni, che però la Corte ha negato.

3 Commenti

  1. Prof. Ettore Ruberti
    Posted dicembre 7, 2016 at 4:14 pm

    Ovviamente, non posso entrare nel merito su una sentenza passata in giudicato. Mi pare necessario però fare alcune considerazioni: a parte il fatto che il disastro di fukushima, nonostante la distorisione dell’evento fatto dai mass-media e subito seguito pedissequamente dai Politici, i danni REALI da addebbitare alle centrali nucleari in seguito allo tsumani, sono stati abbastanza modesti, mentre rilevanti sono stati danni provocati dallo scoppio di una diga e dall’esplosione di due centrali turbogas. Pertanto sarebbe stato opportuno fornire una corretta informazione ai cittadini e, solo in seguito, decidere un’eventuale uscita dal nucleare. E’ da sottolineare il fatto che ormai il comparto nucleare sta traghettando verso le centrali di quarta generazione, autofertilizzanti (quindi che utilizzano i rifiuti prodotti dalle centrali delle generazioni precedenti), a sicurezza intrinseca e raffreddate al piombo. A meno, ovviamente, che si preferisca puntare ancora massicciamente sui combustibili fossili per coprire il carico di base.

    • Giorgio
      Posted dicembre 10, 2016 at 9:06 pm

      Le tristi verità riguardo al nucleare sono i costi totali consuntivi oltre ai potenziali rischi non affatto remoti.
      L’altra verità è che non si vuole la “democraticizzazione” dell’energia…chi gestisce l’energia ha il potere per condizionare a proprio piacere l’economia. Altro che pensare al fossile..occorre mettere in campo la migliore tecnologia che esiste, un pò di decrescita e vivere meglio tutti…caro Prof. Ettore Ruberti.
      Ovviamente il tema è molto più complesso ma gli approcci e le soluzioni guardano ad orizzonti diversi da quelli che Lei descrive.
      Non vendiamo il nucleare sicuro che non esiste….
      Saluti a tutti.
      Giorgio Boeri
      Per. Tecnico Nautico
      E.G.E.

  2. Aniello
    Posted dicembre 11, 2016 at 7:46 am

    Caro Prof.
    Il problema del nucleare, mi sembra uguale al caso del carbone bianco, quello non inquinannte.

    Saluti
    Capo Area GES

Rispondi a Giorgio Cancel reply

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *