• Articolo New York, 8 giugno 2017
  • Giunta alla sua nona edizione

    La Giornata mondiale degli oceani per salvare i mari del mondo

  • Oggi 8 giugno è la Giornata mondiale degli oceani, indetta dalle Nazioni Unite per sensibilizzare opinione pubblica e decisori politici intorno al delicato tema delle risorse marine

giornata mondiale degli oceani

 

(Rinnovabili.it) – Il nostro oceano, il nostro futuro. È lo slogan per la Giornata mondiale degli oceani, proposta dal governo del Canada in occasione del vertice della Terra di Rio de Janeiro nel 1992, e individuata nell’8 giugno dalle Nazioni Unite dalla fine del 2008. Uno slogan che guarda ai prossimi anni, nella speranza di sensibilizzare opinione pubblica e decisori politici a mettere in campo comportamenti e politiche sostenibili per le acque del nostro pianeta. Gli oceani coprono circa i due terzi della superficie terrestre e sono le basi stesse della vita. Essi generano la maggior parte dell’ossigeno che respiriamo, assorbono una ingente quota di emissioni di anidride carbonica (il 26% del totale), forniscono sostanze nutritive e regolano il clima.

 

>> Leggi anche: Deep sea mining, i rischi delle miniere ‘a mare aperto’ <<

 

Tuttavia, i nostri oceani non se la passano bene a causa delle pressioni umane. Che sono di vario genere: basti pensare allo sfruttamento eccessivo, la pesca illegale, non dichiarata o non regolamentata, le pratiche di acquacoltura insostenibili, l’inquinamento marino (che per l’80% è causato da attività svolte a terra), la distruzione degli habitat, le specie aliene, i cambiamenti climatici e l’acidificazione delle acque. Un attacco su ogni fronte per un ecosistema delicato e fondamentale per gli equilibri del pianeta. Equilibri che vanno al di là della sussistenza delle specie animali e vegetali: una gestione oculata degli oceani, spiegano dalle Nazioni Unite, consolida anche pace e sicurezza, pietre angolari dello sviluppo sostenibile. Come è stato sottolineato dal Segretario Generale: «Non ci sarà sviluppo senza sicurezza né sicurezza senza sviluppo».

 

>> Leggi anche: Greenpeace attacca Coca Cola per la plastica negli oceani <<

 

Quest’anno, la Giornata mondiale degli oceani è particolarmente sentita, poiché cade durante la prima conferenza internazionale sul tema, iniziata il 5 giugno presso il Palazzo di vetro a New York. Si concluderà venerdì 9, sperando di dare un impulso verso la protezione di almeno il 10% delle acque marine globali entro il 2020, come richiesto dai Sustainable Developement Goals (SDG) approvati nel 2015 dall’Assemblea Generale.

I due eventi in contemporanea proveranno a dare il via ad un movimento mondiale per la salvaguardia degli oceani, mobilitando la popolazione mondiale intorno ad un progetto di “gestione sostenibile” delle risorse marine.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *