• Articolo Bruxelles, 11 gennaio 2017
  • Glifosato: 1 milione di firme per bandirlo dall’UE

  • Partirà il 25 gennaio la maratona di raccolta firme. E’ un esercizio del diritto di iniziativa dei cittadini europei, strumento di partecipazione diretta alla democrazia che obbliga l’UE a rispondere

Glifosato: 1 milione di firme per bandirlo dall’UE

 

(Rinnovabili.it) – Visto lo stallo della politica sulla questione del glifosato, a muoversi adesso è la società civile europea. Il 25 gennaio sarà ufficialmente lanciata l’iniziativa del comitato promotore: serve almeno 1 milione di firme in tutto il continente per obbligare la Commissione a prendere posizione. Sì, obbligare. Gli organizzatori infatti hanno scelto di esercitare il diritto di iniziativa dei cittadini europei, una forma di partecipazione diretta dei cittadini alla politica di Bruxelles previsto dal Trattato di Lisbona, il testo fondamentale dell’UE. Se verrà raggiunta la soglia minima di adesioni, il ramo esecutivo dell’UE non potrà ignorarle.

Le regole sono chiare. Per promuovere un’iniziativa di questo tipo servono almeno 7 organizzatori provenienti da 7 paesi diversi. Una volta sottoposto il testo della petizione a Bruxelles parte la raccolta firme vera e propria. In questo caso la maratona scatterà a fine mese e durerà un anno. Quando sarà stato raccolto 1 milione di firme l’iniziativa verrà depositata a Bruxelles e la Commissione avrà 3 mesi di tempo per decidere il da farsi.

 

L’iniziativa dei cittadini europei sul glifosato mira a bandire il pesticida da tutti gli Stati membri, riformare la procedura di approvazione dei pesticidi e fissare degli obiettivi obbligatori per ridurne l’uso in tutto il continente. Tutti punti scottanti, che nell’ultimo anno sono tornati più volte alla ribalta.

Il senso di questa iniziativa è impedire che si possa ripetere lo stallo politico avvenuto nel 2016, quando né la Commissione né gli Stati membri hanno voluto prendersi la responsabilità politica di bandire il glifosato, mentre su Bruxelles crescevano le pressioni dei grandi colossi dell’agrochimica e andava in scena un acceso scontro a suon di report scientifici sulla dannosità di questo pesticida. Alla fine, nel giugno scorso, la Commissione ha prorogato l’autorizzazione del glifosato per altri 18 mesi. L’appuntamento con la nuova fase di valutazione sarà quindi intorno a gennaio 2018. L’iniziativa cittadina europea prova a raggiungere 1 milione di firme in tempo per costringere la Commissione a tener conto della volontà della società civile quando dovrà scegliere se prorogare ancora l’uso del pesticida o bandirlo definitivamente.

2 Commenti

  1. REZZONICO Narciso
    Posted gennaio 14, 2017 at 8:06 am

    ma c’è BISOGNO di un referendum per VIETARE un VELENO !!!!!!!!!!!!!!

  2. alessio
    Posted maggio 27, 2017 at 1:04 pm

    secondo me devono vietare il glifosato e coltivare i campi in modo green
    io mangio green

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *