• Articolo Bari, 9 dicembre 2011
  • Green economy, Capone: “Cresce interesse internazionale verso sistema pugliese”

  • E’ questa la buona notizia che giunge da Parigi dove, nei giorni scorsi, la Regione ha partecipato Pollutec Horizons 2011

Cresce l’interesse internazionale verso il sistema della Green Economy pugliese. E’ questa la buona notizia che giunge da Parigi, dove nei giorni scorsi, la Regione Puglia, con il supporto operativo dello SPRINT Puglia e la collaborazione dei Distretti produttivi dell’Ambiente e Riutilizzo, “DIPAR”, e delle Energie rinnovabili e dell’Efficienza energetica, “La Nuova Energia”, ha partecipato all’edizione 2011 di Pollutec Horizons, il salone biennale delle soluzioni innovative al servizio delle sfide ambientali ed energetiche. Oltre settanta gli incontri d’affari che, nell’ambito del “Green Business Meetings”, l’iniziativa promossa dagli organizzatori del salone in sinergia con Enteprise Europe Network (la rete europea per il sostegno delle PMI, che riunisce 44 Paesi con l’obiettivo di promuovere l’innovazione e la competitività), hanno visto i delegati delle realtà produttive pugliesi (Horus di Fasano, Sereco di Noci, Thermocold di Modugno, Geatecno di Bari, Consorzio Creta di Putignano e Gaia – Rete d’Impresa di Bari -, con quest’ultima che ha rappresentato 11 aziende) dialogare con potenziali partner provenienti da ogni angolo d’Europa.

Incoraggianti risultati ha offerto anche l’iniziativa condotta dallo SPRINT Puglia in collaborazione con la Camera di Commercio Italiana di Lione che ha portato alla definizione di uno specifico calendario di incontri btob tra operatori pugliesi e partner transalpini finalizzati a verificare proficue opportunità di eco-partnership franco-pugliesi, a breve scadenza. Tanti e interessanti sono risultati anche gli incontri tra i delegati pugliesi e i potenziali partner nordafricani e sud americani, realizzatisi grazie alla collaborazione avviata tra i vertici di Pollutec Horizons e dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per lo Sviluppo Industriale (UNIDO) che assiste i Paesi in via di Sviluppo e i Paesi in transizione allo scopo di favorire uno sviluppo industriale sostenibile e la cooperazione internazionale tra le imprese. Un aspetto, questo, sottolineato dalla vicepresidente della Regione Puglia e Assessore allo Sviluppo economico Loredana Capone: “La partecipazione a questo evento – ha detto – ha dato alla Puglia e alle sue imprese la possibilità di attirare l’attenzione non solo dell’Europa ma anche di altri continenti. Le tecnologie e le politiche d’avanguardia adottate dalla Puglia nelle energie rinnovabili e nella tutela dell’ambiente sono diventate buone pratiche che molte regioni del mondo vorrebbero imitare. Per questo i Distretti produttivi e le imprese fanno bene a puntare sui mercati esteri e a partecipare alle iniziative scelte dalla Regione Puglia. Così esportiamo l’immagine di un sistema Puglia nel quale mondo dell’impresa, istituzioni e mondo della ricerca cooperano per il raggiungimento di un obiettivo comune”.