• Articolo Milano, 30 maggio 2012
  • Da un’idea della Nasa

    Green Whell, coltivare 2.0

  • L’orto del futuro? Non richiede terra o grandi quantità d’acqua e può essere gestito tramite smartphone o tablet

(Rinnovabili.it) – Dedicato agli amanti degli orti domestici che non hanno abbastanza spazio su balcone o terrazzo per darsi al nuovo mood dell’agricoltura cittadina. Per loro è stato pensato Green Wheel (letteralmente Ruota Verde), soluzione innovativa dedicata agli agricoltori urbani del nuovo millennio. Il concept è stato realizzato da uno studio di Milano, DesignLibero, che recuperando una vecchia idea della NASA, ha disegnato un mini giardino domestico per la coltivazione idroponica, vale a dire “fuori suolo”. La tecnica richiede un’irrigazione con una soluzione nutritiva di acqua e composti nutritivi e possiede degli intuibili vantaggi rispetto al tradizionale giardino, a partire da una minore richiesta di acqua e fertilizzanti.

Le piante sono disposte lungo la circonferenza della ruota in piccole cavità  riempite in fibra di cocco che fornisce il giusto supporto alle radici. Alla base della struttura è nascosto il motore che fa girare la ruota e un serbatoio per l’acqua che viene pompata dal mini sistema di irrigazione, mentre al centro è stata posizionata una luce LED che si occupa di fornire l’illuminazione necessaria. Green Wheel è stata disegnata con un’interfaccia di controllo semplice ed intuitiva che può essere gestito tramite smartphone o tablet utilizzando una semplice applicazione e che permette di controllare la quantità di illuminazione, la temperatura della luce e il livello dell’acqua.