• Articolo Roma, 19 novembre 2012
  • L'Associazione ha tappezzato Roma nella notte

    Greenpeace chiede ai politici un green future

  • Nella notte Greenpeace ha affisso a Roma manifesti elettorali che invitano i politici a riflettere sull’importanza di decarbonizzare il settore energetico italiano

(Rinnovabili.it) – “Sei amico del petrolio o del carbone?” questo lo slogan apposto sotto i manifesti con i volti dei politici italiani affissi nel corso della notte in tutta Roma da Greenpeace.

L’azione è stata portata avanti dagli attivisti dell’Associazione ambientalista per promuovere la nuova piattaforma online (www.iononvivoto.org) attraverso la quale i cittadini che credono nelle energie rinnovabili e in un futuro senza l’inquinamento prodotto dal consumo di petrolio e carbone potranno mandare il loro messaggio a chi vuole governare il nostro paese.

 

“Il nostro non è un messaggio astensionista” afferma Andrea Boraschi, responsabile della campagna Energia e Clima di Greenpeace. “Al contrario, pensiamo sia giunto il momento in cui i cittadini devono porre delle condizioni chiare e inequivocabili a chi si candida a governarli. Aderendo alla nostra petizione online si manda un messaggio diretto: il mio dell’Italia un nuovo Texas petrolifero, a chi consente la costruzione di nuove centrali a carbone, a chi frena la crescita delle energie rinnovabili e con essa l’occupazione e l’economia”.

 

Per sensibilizzare la classe politica italiana Greenpeace ha ricordato l’impatto ambientale dei combustibili fossili, largamente impiegati nella produzione di energia elettrica e calore e per renderli partecipi ha inviato loro un questionario al quale però hanno risposto in pochi.