• Articolo Bologna, 3 ottobre 2012
  • Un dibattito con i consumatori

    Hera: la chat dell’acqua è stata un successo

  • Grazie alla disponibilità di Hera i cittadini hanno potuto porgere agli esperti una serie di domande per avere più chiaro il panorama idrico

(Rinnovabili.it) – Grazie alla partecipazione dei consumatori Hera ha portato a termine con successo la chat sperimentale attraverso la quale si è messa in contatto con la popolazione. Domande e risposte sottoposta da circa 60 persone che si collegate al sito per partecipare al confronto che ha avuto al centro delle discussioni l’acqua potabile partendo dalla distribuzione fino alle caratteristiche chimiche dell’acqua.

Per circa due ore i tecnici dell’azienda insieme agli esperti dell’Arpa e alla Professoressa Renata Caudarella, studiosa di malattie del metabolismo e del ricambio,  hanno risposto agli oltre 70 quesiti posti dai partecipanti.

 

Tra le domande più frequenti la “distribuzione dell’acqua, dal suo prelievo da pozzi e sorgenti fino alle nostre case, delle sue caratteristiche, dei controlli effettuati dall’azienda e dagli enti preposti sulla risorsa idrica distribuita e sull’opportunità di somministrare acqua del rubinetto ai bambini, anche nel periodo del loro svezzamento” si legge nel comunicato stampa diffuso dalla società.

Il risultato? L’acqua è di buona qualità, certificata da oltre 1600 controlli di qualità quotidiani, buona da bere e ottima per la salute.In ultima analisi i chiarimenti richiesti in merito alla nuova carta d’identità dell’acqua che appare sulle bollette riportando 13 parametri chimici dell’acqua distribuita.