• Articolo Washington, 14 gennaio 2013
  • Il Fondo, che riunisce 54 Paesi e 18 collaboratori finanziari, mira all’attuazione del REDD

    Il Fondo con cui salvare le foreste

  • Con il contributo di Germania, Norvegia e Finlandia, ammonta oggi a 560 mln di dollari il Fondo con cui i PVS saranno sostenuti nella riduzione delle emissioni e la salvaguardia delle foreste

(Rinnovabili.it) – Ammonta a circa 180 milioni di dollari il contributo finanziario che Germania, Finlandia e Norvegia hanno deciso di elargire a favore del Forest Carbon Partnership Facility (FCPF), il fondo gestito dalla Banca Mondiale che servirà ad aiutare i Paesi in Via di Sviluppo a ridurre le emissioni e preservare le loro foreste. Secondo quanto dichiarato dall’istituto bancario, infatti, con l’entrata del nuovo contributo il saldo registrato dal Fondo sarebbe di circa 650 milioni di dollari, una somma che riesce a garantire una certa costanza nel sostegno alla riduzione della copertura forestale dovuta ai cambiamenti climatici.

 

Il FCPF è costituito da due fondi: il Readiness Fund (di circa 260 milioni di dollari), che è operativo dal 2008 e sostiene i governi nella messa a punto di strategie nazionali di riduzione delle emissioni da deforestazione e degrado forestale, e il Carbon Fund (390 milioni di dollari), istituito nel 2011 per “ricompensare” quei Paesi che veramente avranno fatto passi avanti contro la deforestazione e il degrado forestale. Il Forest Carbon Partnership Facility riunisce 54 Paesi e organizzazioni, tra cui 36 con foreste, e 18 collaboratori finanziari; l’obiettivo è l’attuazione del “reducing emissions from deforestation and forest degradation” (REDD) a livello nazionale.