• Articolo Lecco, 4 aprile 2012
  • Accordo in linea con il IV Conto Energia e con la nuova Direttiva europea

    Il fotovoltaico dalla culla alla tomba

  • Al via il progetto sperimentale grazie al quale i moduli fotovoltaici domestici giunti a fine vita potranno essere gratuitamente ritirati, trattati e opportunamente smaltiti

(Rinnovabili.it) – Un accordo che anticipa quanto sarà stabilito dal Parlamento Europeo in materia di smaltimento di rifiuti. È quello sancito tra il Consorzio Nazionale Raccolta e Riciclo (Cobat) e Silea S.p.A. che, sotto l’egida dell’Assessorato all’Ambiente della provincia di Lecco, hanno siglato un accordo di programma attraverso il quale tutti i moduli fotovoltaici domestici giunti a fine vita saranno inseriti in un circuito virtuoso che li condurrà al riciclo. Grazie al progetto sperimentale, infatti, tutti i cittadini di Lecco in possesso di moduli obsoleti da smaltire dovranno solo preoccuparsi di disintallarli e consegnarli al personale addetto al ritiro di Silea Spa, che a sua volta li passerà al Consorzio, al quale spetta il compito di trattarli e smaltirli in impianti autorizzati. L’accordo, che offre ai cittadini un servizio interamente gratuito, è perfettamente in linea sia con quanto stabilito dal IV Conto Energia, che obbliga tutti i produttori di moduli fotovoltaici a garantire il riciclo dei moduli esausti e ad aderire entro il 30 giugno 2012 a un consorzio che si occupi di smaltirli, sia con l’emanazione della nuova Direttiva del Parlamento Europeo, che includerà nella categoria 4 dei Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) i moduli fotovoltaici giunti a fine vita. Una volta che l’Italia avrà recepito la Direttiva in questione, l’accordo sarà riformulato nel pieno rispetto della normativa.

Insomma, una soluzione, come l’ha definita l’Assessore all’Ambiente della provincia di Lecco, Carlo Signorelli, pratica e semplice. «Grazie all’accordo – ha dichiarato Mauro Colombo, Presidente di Silea S.p.A. – i cittadini del territorio lecchese potranno usufruire di un ulteriore servizio gratuito di raccolta “porta a porta” su chiamata per i pannelli fotovoltaici, che permetterà di alzare ancor più il livello di qualità e di virtuosità della provincia di Lecco nella raccolta differenziata». Soddisfatto anche il Presidente di Cobat, Giancarlo Morandi, il quale ha anche rammentato l’accordo firmato con il Comitato Industrie Fotovoltaiche Italiane (IFI), per istituire la prima filiera nazionale per la raccolta, il trattamento e lo smaltimento dei moduli giunti a fine vita.