• Articolo Quebec , 7 settembre 2012
  • Un progetto del neo eletto governo

    Il Quebec verso l’aumento dei target anti CO2

  • Governo nuovo, nuovi progetti climatici. Il neo eletto PQ punta ad innalzare la percentuale di riduzione della CO2 dal 20 al 25% entro il 2020

(Rinnovabili.it) – Il nuovo Governo del Quebec non ha intenzione di cambiare i piani della provincia che intendono collegare, nel corso del prossimo anno, il mercato del carbonio a quello della California. Ma la leadership, il partito Parti Quebecois (PQ), pare abbia un altro progetto, che consiste nell’aumentare l’obiettivo di riduzione delle emissioni di gas serra del 25% rispetto ai livelli che vennero registrati nel 1990 entro il 2020.

Neo eletto il PQ con tutta probabilità non riuscirà ad alterare i piani di gestione dei gas ad effetto serra formulati dalla precedente coalizione. “E’ abbastanza certo che il PQ farà aumentare il target al 25 per cento. E’ nel loro programma elettorale e sono decisi a portarlo a compimento”, ha detto Patrick Bonin, direttore per il clima e l’energia dell’Associazione del Quebec per la Lotta contro l’inquinamento atmosferico.

Il PQ ha inoltre all’interno del proprio progetto politico l’intenzione di collaborare con i piani anti emissioni di altre nazioni tra cui la California e l’Europa oltre che continuare la partecipazione con la Western Climate Initiative (WCI), il mercato del carbonio nord americano di cui il principale attore è la California, come ha riferito Matt Horne, un analista esperto in cambiamento climatico.

Nonostante i progetti il Governatore della California non ha ancora ufficialmente approvato l’accordo con il Quebec la cui adesione è prevista non prima della metà del prossimo anno.